Archivio mensile:marzo 2016

” Un Nuovo Giorno” un film che fa riflettere un’ Italia ancora ” schematizzata”

Sveva e Stefano

Nella foto il regista Stefano Calvagna con l’attrice Sveva Cardinale

Una recensione di Giuseppe Cossentino

Sin dalla tenera età, Giulio si sente di appartenere a un corpo sbagliato, guarda le bambine e si riconosce in loro. A 27 anni decide di operarsi per cambiare sesso e di partire per Bangkok, dove potrà finalmente essere donna non solo nell’animo. Il percorso che intraprenderà lo porterà, una volta divenuto donna, a rivalutare i propri rapporti con la famiglia e gli amici e a ricominciare una nuova vita in un corpo che lo farà sentire per la prima volta a proprio agio nel mondo.

Questa è la trama di “ Un nuovo giorno” l’ultima fatica cinematografica firmata Stefano Calvagna. Questa volta a solleticare la fantasia del  bravo regista e a stendere una sceneggiatura in soli 9 giorni è la storia di una donna nata uomo. Un’idea nata dall’incontro e da una chiacchierata di Calvagna con Sveva Cardinale e della sua vera storia.

La pellicola è reale, ti tiene dall’inizio alla fine, con una regia semplice ma fluida che ti porta dall’età dell’infanzia, dai soprusi, alla chiacchiere della gente, il pregiudizio, sino alla  lotta di una terribile malattia, sino alla realizzazione del sogno di Giulio, di diventare finalmente Giulia ed è li che è l’inizio del suo nuovo giorno, della sua nuova vita.

Io e Sveva

L’attrice Sveva Cardinale, Giuseppe Cossentino fondatore di Italy in The World Webzine e il regista Stefano Calvagna

Il film è attualissimo, di forte impatto sociale, tanto che può essere considerato come un vero e proprio manifesto mondiale sulla tematica di identità di genere. Il coraggio di Calvagna va premiato che nonostante un film low budget, ha trasmesso  con sensibilità e tatto temi non facili da affrontare soprattutto in una società ancora tradizionalista e retrograda. Gli attori  sullo schermo sono ben diretti da un Calvagna che riesce a tirare fuori da ognuno di loro emozioni contrastanti. Insomma, “ Un Nuovo Giorno” è la storia di un percorso, certo autobiografico, ma con  un forte messaggio di emancipazione  sia della donna che degli omosessuali che apre una strada di apertura di mentalità italiana che deve assolutamente far riflettere, la società contemporanea ancora troppo “ schematizzata”.

D-Style: Il famoso brand conquista Capri

D-Style CapriIl brand di Domenico Auriemma, artista dell’occhiale, continua a far parlare di se’ .
Dstyle arriva a Capri.
Apre in Via delle botteghe 38 il negozio Antonia Capri e avrà in vetrina gli ultimi modelli Dstyle di maggior tendenza come Antonia e molti altri .
Dstyle, il marchio ottico più amato anche dai vip , promette ancora sorprese.

Una giornata in ricordo di Anna Magnani

Annarella
Una giornata per Nannarella
IL MITO TRA I MITI NELLA CULLA DEL MITO
Eccezionalmente il Parco Archeologico di Paestum apre le porte all’evento ideato da Sarah Falanga e prodotto dall’Accademia Magna Graecia di Paestum “Una giornata per Nannarella”, in onore di Anna Magnani, ricordata anche dai “giovanissimi”, non solo come Mito del cinema, ma anche come icona di una Donna straordinaria e come esempio di un coraggio tutto italiano, che ha saputo conquistare spazi riservati a pochi, anche all’estero.  
Il giorno 2 Aprile 2016 a partire dalle ore 10:30 alle ore 19:00 dello stesso giorno, presso il Museo
Archeologico e la città antica di Paestum, si prevedono gli interventi di numerosi  ospiti/relatori  “Amici di Anna”, per dar vita all’evento “Una giornata per Nannarella” ,organizzato in esclusiva nazionale dall’Accademia Magna Graecia in collaborazione col Parco Archeologico di Paestum.
Si tratta di una intera giornata dedicata ad ANNA MAGNANI  in occasione del 60° anniversario del conferimento dell’Oscar che si aggiudicò come migliore attrice italiana  protagonista, con il film “La rosa tatuata”.
L’evento prevede incontri didattici e conferenze con gli “Amici di Anna”, proiezioni di documentari tra cui in ESCLUSIVA lo Special della terza edizione di Anna Magnani con le musiche di Gianni Togni, la presentazione della sua nuova biografia “ANNA MAGNANI-Biografia di una donna” a cura di Matteo Persica (in esclusiva ai piedi del Tempio di Nettuno), la rappresentazione dello spettacolo “Io, Anna Magnani?” scritto e diretto da Sarah Falanga e prodotto dall’Accademia Magna Graecia.
Tra gli “Amici di Anna” che arricchiranno la giornata, annunciamo la presenza di: GABRIEL ZUCHTRIEGEL (direttore del Parco Archeologico di Paestum);
Il cast artistico:
SARAH FALANGA (Direttrice artistica dell’Accademia Magna Graecia); FRANCESCA PIGGIANELLI  
Presidente Romarteventi ed organizzatrice Premio Anna Magnani); MATTEO PERSICA (autore di “ANNA MAGNANI: biografia di una donna-Direttore Premio Anna Magnani); SIMONA FASULO (autrice radiotelevisiva, conduttrice  e sceneggiatrice – autrice documentario RAI “Italiani – Anna Magnani, dalla luna con amore”); MICHELE SIMOLO (Fotografo); OSVALDO DESIDERI (Premio Oscar alla miglior scenografia
1988); MARINA CIPRIANI (già direttrice del Museo Archeologico Nazionale di Paestum); EVA DESIDERI
(Scenografa); SERGIO NICOLAI (attore anche ne “La Lupa” con Anna Magnani); LAURA MAMMONE
(attrice); MARIA CARMELA D’ANGELO (Danzatrice e Coreografa); FRANCESCO NAPOLETANO(tenore); VINCENZO DE CARO (Chitarrista); DENNIS CITERA (batterista); ANGELO D’AMBROSIO (pianista); la Compagnia Stabile dell’ACCADEMIA MAGNA GRAECIA.
Le istituzioni:
ITALO VOZA (Sindaco di Capaccio-Paestum); ALFONSO ANDRIA (senatore della Repubblica);  DONATELLA
PANNULO (assessore alla cultura di Capaccio-Paestum); LUIGI SCORZIELLO (Presidente BCC Aquara);
FRANCESCO PALUMBO (Sindaco di Giungano); ANGELA PACE (commissario straordinario EPT Salerno); ENRICA SUPRANI (Giornalista); ANGELICA TAFURI (Giornalista); EUGENIO GUGLIELMOTTI (Presidente Rotary
Club Paestum Centenario); ANTONIO PEDUTO (Presidente Lions Club Paestum); ANTONIO MAFFEO
(Presidente Forum dei giovani di Capaccio-Paestum); RICCARDO PALLADINO (Presidente RotarAct
Paestum); LOREDANA NICOLETTI (Dirigente scolastico IIS-IPSAR Piranesi); ERMELINDA IANNONE (Presidente Inner Wheel Paestum “Città delle rose”); DANIELA DI BARTOLOMEO (Direttrice del Museo Grand Tour Capaccio); Ass. MARIA CITRO e rappresentanza comuni della Costiera Amalfitana.
I docenti universitari ospiti e studenti rappresentanti:
VALENTINA VALENTINI (Docente storia dell’arte e spettacolo “Università La Sapienza” di Roma); CHRISTIAN UVA (Docente storia del cinema “Università Roma tre”); ANNA LISA TOTA (Docente sociologia della comunicazione e comunicazione pubblica e artistica “Università Roma tre”); MARIA CATRICALA’ (Docente di linguistica e comunicazione “Università Roma tre”); gli studenti dell’IIS-IPSAR Piranesi di CapaccioPaestum,
Responsabile della comunicazione: FRANCESCA PIGGIANELLI  francescapiggianelli@gmail.com
Collaborazione all’ufficio stampa: SANTE COSSENTINO e MASSMEDIA pucciovolley@hotmail.it I Partners:
BCC di Aquara; il Comune di Capaccio-Paestum; l’Hotel MEC Paestum; l’Hotel Cerere; i VINI DEL CAVALIERE; il ristorante TRE OLIVI; la PLANET beverage; Inner Wheel Paestum “Città delle rose”; il caseificio BARLOTTI; la ITALCATERING; la residenza d’epoca DOMUS LAETA; TERRA ORTI e tutti gli amici dell’arte… L’ingresso all’evento è gratutito, regolato da prenotazione obbligatoria.  
Per info: 339.35628283669555096

Gran successo di pubblico al vernissage dell’iniziativa “L’Arte nell’Uovo di Pasqua“

Vernissage bello2

Gran successo di pubblico al vernissage dell’iniziativa “L’Arte nell’Uovo di Pasqua“ promossa dall’Associazione Sergio Valente, che si è svolto nella Sede dell’Accademia Costume e Moda di Roma, punto di riferimento e istituzione d’eccellenza per la formazione dei nuovi creativi del settore.

Anche in questa Edizione “L’Arte” si conferma d’essere il fulcro di un progetto che riesce a far dialogare creatività e solidarietà. Oltre quaranta sono state le opere esposte per l’occasione, realizzate da pittori, scultori e designer di rilevanza nazionale ed internazionale, chiamati ad esprimersi sul tema “L’Uovo di Pasqua d’Autore”.

Gli Artisti che hanno aderito all’iniziativa, realizzata da Eduardo Tasca e Francesco Stella, rispettivamente Direttore Artistico e Coordinatore Generale, sono: l’Accademia Costume e Moda, Adriano Radeglia, Alberto Borghese, Anastasia Kurakina, Andrea Paulicelli MamaDesign Lab, Anna Piazzola Talo Design, Biagio Santo con A. Papa e G. Corvaglia, Enrico Miglio, Erika Calesini, Ettore Mocchetti, Fabio Grassi, Francesca Frendo, Francesco Bruscia, Francesco Toraldo, Giampaolo Giannotti, Giancarlo Mastinelli, Gianni Molaro, Irne Veschi, Italo Bolano, Janet De Nardis, Lello Esposito, Marcello Reboani, Marco Dentici, Marco Mazzei, Massimiliano Mastronardi, Massimo Gervasi, Matteo Cainer, Mirandolina Di Pietrantonio, Mutsuo Hirano, Natino Chirico, Nicola Guerraz, Olga Volha Piashko, Ozcelin Isik, Paolo Bielli, Patrice Makabu, Patrizio Bitelli, Roberto Carullo, Sabrina Persechino, Salvo Ardizzone, Sandro Rinaldi, Stefano Tonelli, Thomas lange, Davide Sarchioni, Valente Taddei, Valerio Tambone.

“L’Arte nell’Uovo di Pasqua“ ha il pregio di fondarsi e crescere su autentici contributi d’amore e in questa edizione, individuato nell’amore per gli animali il fine del progetto di solidarietà, Sergio Valente dichiara: “Mi sento di poter affermare con orgoglio, che in questa Edizione riuscirò ad accontentare tante persone a me vicine, che amano e sono a favore del benessere degli animali domestici e non. Grazie anche al loro contributo riusciremo a destinare all’Oipa Italia OnlusOrganizzazione Internazionale Protezione Animali, i proventi della raccolta fondi ricavati dalla vendita  delle opere realizzate da artisti straordinari, che ringrazio personalmente per aver accettato il mio invito e aver donato le loro creazioni.”

Scopo dell’OIPA Italia Onlus (Organizzazione Internazionale Protezione Animali) è la tutela e la valorizzazione della natura e dell’ambiente, l’abolizione della vivisezione nei vari paesi del mondo e la difesa degli animali da qualsiasi forma di maltrattamento.

Madrina dell’iniziativa la Sig.ra Anna Fendi Venturini che nel ringraziare Sergio Valente, amico da sempre, afferma:  l’iniziativa di stasera è esattamente in sintonia con i tempi che viviamo. Un connubio di cultura, di moda, di arte e solidarietà. E’ sempre giusto, soprattutto di questi tempi aiutare gli altri.

Vernissage bello

Alla serata presentata da Janet De Nardis, con l’affettuosa partecipazione di Cinzia Malvini erano presenti personalità del mondo della cultura, dello spettacolo e della moda: Enrica Bonaccorti, Marina Ripa di Meana, Tosca D’Aquino, Elisabetta Pellini, Beppe Convertini, Nadia Bengala, Giorgia Giacobetti, Laura Lattuada, Miriam Fecchi, Elena Aceto di Capriglia, Nino Lettieri e Gaia Caramazza.

L’evento è stato realizzato grazie al supporto di alcune realtà nazionali, da sempre sensibili ad iniziative socio-culturali, fra queste ricordiamo: Iv San Bernard nata dalla mente eclettica di Mirco Aringhieri, questa ditta e il suo marchio sono ormai diventati sinonimo di qualità nel Pet Trade a livello mondiale; ALI Aerospace Laboratory for Innovative Components una delle eccellenze campane nel campo aerospaziale che vede Norberto Salza fra i protagonisti del Consorzio; Vitality’s una linea dedicata agli hair Stylist, di alta qualità pensata per valorizzare lo stile e migliorare il benessere; Antonio Ferrieri e la sua realtà Cuori di Sfogliatella dal 1987; La Oliver & Co. non semplicemente un’azienda di Catering o Banqueting, ma un team affiatato di scenografi, decoratori, chef e pasticceri.

Ulteriori e prestigiosi Partners e sostenitori dell’evento sono stati:  Sabrina Persechino – M73 –  Feudi San Gregorio – Acqua Claudia – Caffè Kenon  – MusicalWorks – Settore Q – Giancarlo Mastinelli All. Floreali – Il Vero Bar del Professore  – Talò Bijoux  – Venchi 1878 Cioccolato Italiano. Foto Maurizio D’Avanzo

Ufficio Stampa: Antonio Falanga

“La Custode Dei Se” – Il Debutto Letterario di Alma Minghi

Alma Minghi

“La Custode Dei Se” – Il Debutto Letterario di Alma Minghi

Alma Minghi, giornalista e autrice di programmi televisivi di grande successo. Quest’opera segna il suo esordio letterario, un romanzo nato dalla necessità di confrontarsi con la scrittura, intesa come voglia di raccontare non solo esperienze di vita, o di cronaca, ma anche l’invisibile, l’immaginario, la fantasia: il desiderio delle donne di vivere la propria creatività e l’arte intesa come forma di autorealizzazione del Sé

Sophie è una donna; è stata una ragazza, ma soprattutto Sophie è una sognatrice che per amore ha creato mondi senza tempo in cui custodire la luce della Speranza. Fra Parigi e Roma si ambienta e si sviluppa un romanzo al femminile che, attraverso la storia d’amore, riesce a raccontare l’evoluzione psicologica della protagonista. Si rafforza così il principio di individuazione mediato da una spinta creatrice di auto realizzazione che giunge a compimento attraverso la condivisione di un sogno. Un baule come porto sicuro, in cui segretamente ritrovare i valori della vita e del ricordo. Un rapporto con il Maschile che in modo ambivalente è sia fonte di ispirazione che antagonista. Prezioso invece il ruolo della madre, che coincide inevitabilmente con le vicende personali di Alma che, attraverso un sentito prologo, dedica il libro alla mamma, alla sua forza rigeneratrice e ci offre la possibilità di considerare il distacco, come processo di rinascita. Un romanzo per tutti, capace di stupire per l’intreccio essenziale eppure fonte di riflessioni profonde sull’esistenza e sulle emozioni. …Sophie, entrerà nelle anime di chi vorrà amarla.

Sara Herranz ” RITA” della soap ” Una Vita” ” Dell’ Italia amo l’arte e la tarantella”

Sara Herranz.png

Nella foto, l’attrice Sara Herranz

 a cura di Giuseppe Cossentino

Sara Herranz, interpreta Rita, in “ Una Vita, la soap opera spagnola di CANALE 5. Nipote di Fabiana, si presenta subito come una ragazza bella e spensierata con delle forti ambizioni e velleità  per il mondo della musica e del teatro.  Infatti, la sua più grande aspirazione è quella di diventare una cantante di couplet. Ed infatti con le sue arti seduttive riesce ad avere un discreto successo nel mondo del teatro dell’epoca. Rita racchiude l’ideale di bellezza dell’epoca e ama provocare gli uomini. La sua ambizione la spinge ad essere priva di scrupoli sino ad arrivare ad essere disposta a tutto, anche ad utilizzare le forme provocanti del proprio corpo pur di arrivare a realizzare i propri sogni.

Noi di ITALY IN THE WORLD, siamo volati a Madrid per un tu per tu con la bella attrice spagnola Sara Herranz, che si è mostrata subito felice e disponibile di fare una piacevole chiacchierata con noi.

Rita di  Una Vita

Giuseppe Cossentino, fondatore di Italy in the World con Sara Herranz dopo l’intervista

Sara è una giovane ma brava attrice che dopo una formazione presso il Conservatorio, ha lavorato molto in teatro e per il cinema. In tv una vita ha rappresentato la sua grande occasione per mostrare al grande pubblico la sua bravura indiscussa di attrice,  dato che il suo personaggio morirà a causa delle febbre tifoide, non prima di aver rivelato a German(Roger Berruezo), la verità sulla morte di Carlota, avvelenata dalla perfida Cayetana. ( Sara Miquel) tra qualche puntata vedremo l’uscita di scena della Herranz. Ma nel frattempo è  bellissimo scoprire come Sara ama l’Italia e soprattutto il cibo italiano, come il carpaccio, i cannelloni, la pizza e il tiramisù. Ma non nasconde il suo amore per l’arte, la musica, la tarantella e la danza classica italiana. E tra le sue attrici preferite italiane, annovera Sophia Loren.

   Sara Herranz saluta tutti i lettori di Italy in the World Webzine di Giuseppe Cossentino

      Guarda il video

A tu per tu con Lorenzo Sarcinelli: i miei idoli sono Paolo Sorrentino e Toni Servillo

Lorenzo Sarcinelli

L’attore Lorenzo Sarcinelli, in una foto di Giuseppe D’Anna

a cura di

Giuseppe Cossentino

Sempre più record di ascolti per il real – drama di Rai3, Un Posto al Sole, che tutte le sere accompagna la cena di quasi tre milioni di telespettatori in tutta Italia.  Da quasi vent’anni, tiene banco e per i telespettatori è diventato un appuntamento irrinunciabile. E’ una delle fiction italiane più longeve della storia della tv pubblica. I personaggi storici, ormai sono persone di famiglia, il pubblico si  identifica in Renato, Raffaele, Giulia, Angela, Franco, Viola, Filippo… e così via… Il merito va agli autori, sempre attenti ai temi attuali e alla quotidianità, affrontati sempre con sobrietà e con un bel ritmo che non annoia mai.   Non è da sottovalutare, un cast preparato che negli anni ha dato spazio ai giovani. Infatti,  un bello spazio viene dato, ultimamente, alle storie tra adolescenti. Tra i protagonisti del cast giovane c’è anche il giovane attore Lorenzo Sarcinelli, che nella fiction interpreta Patrizio, il figlio di Raffaele e Ornella.

In una piacevole chiacchierata Lorenzo descrive il suo personaggio come un ragazzo molto sensibile e determinato; ha un sogno ed è pronto a tutto per realizzarlo… proprio come lui con la recitazione. Questo è il punto che accomuna l’attore con il suo alter ego.  Tra gli altri punti in comune la stessa età, il dover affrontare l’esame di maturità, l’essere socievole e solare.

20151102_163411

L’attore Lorenzo Sarcinelli, con il direttore e fondatore del webzine Italy in the World Giuseppe Cossentino

L’esperienza con Un Posto al Sole rappresenta la sua improvvisa realizzazione di un sogno, una grande palestra in cui riesce a migliorarsi giorno per giorno.

Nonostante la popolarità di “ Un Posto al Sole” il rapporto con i suoi amici è rimasto invariato. Quando lo vedono lo chiamano l’attore. Ma non nasconde che molte ragazze lo fermano per fargli i complimenti per questo strepitoso inizio di carriera.

Non nasconde di essere molto attivo sui social network, ha una pagina ufficiale facebook e su Instagram carica molte foto del set di Un Posto al sole.

Le sue passioni sono il teatro e il cinema e gioca a basket da 12 anni.

A noi di Italy in The World Webzine rivela quello che pensa della cultura italiana, che va studiata, apprezzata in quanto mondiale e il suo più grande sogno quello di essere diretto  da Paolo Sorrentino, nostro Premio Oscar e orgoglio nel mondo, e di lavorare su qualche set con l’attore Toni Servillo, suo grande idolo.

Nella Video Intervista potete seguire l’intervista al bravissimo Lorenzo Sarcinelli…

Dstyle, nuovo modello Antonia

Antonia esatto

Dstyle, nuovo modello Antonia

Il 20 marzo 2015 fu un giorno speciale per Domenico Auriemma, artista dell’occhiale e genio del marchio Dstyle.
Nasceva Antonia , la sua primogenita alle 12,20 e contemporaneamente fu lanciato il preciso modello Antonia nella linea limited edition di Dstyle.
Ed ecco che nasce il modello Antonia happy first birthday ad un anno di distanza , ed una nuova brillante creazione va ad arricchire l’ampia e variegata collezione Dstyle.
Domenico Auriemma e’ anche il brand preferito dai vip: i più grandi personaggi dello spettacolo e del panorama artistico internazionale sceglie e sfoggia Dstyle .

Intervista a Fabio Sciarretta, con ITHAlab, silver sponsor del Concorso Miss Europe Continental 2016

Silver.png

> Conosciamo insieme ITHA lab, silver sponsor del concorso Miss Europe

> Continental 2016, nella veste di Fabio Sciarretta.

>

> -Salve, buon pomeriggio, saprebbe dirci cosa l’ha spinta a sposare il

> progetto Miss Europe?

> – Sicuramente per la fiducia nei riguardi di Alberto Cerqua: anche gli

> altri anni ho seguito Miss Europe e ho avuto modo di appurare che lavorasse

> davvero bene. Da qui la mia scelta di sposare il progetto a 360 gradi.

>

> –  Qual è, invece, il suo concetto di bellezza ed eleganza?

> – Sicuramente in una donna non si può tralasciare la cura del capello. Nel

> nostro caso, l’obiettivo è quello di migliorare la struttura del capello

> per rendere le miss che parteciperanno ancora più belle.

>

> – Cosa pensa della location di Spoleto? Ha avuto modo di osservarla da

> vicino?

> – Ho visto e ho saputo da persone che sono state già lì, che Spoleto

> ospita tante manifestazioni e tanti concorsi di bellezza, soprattutto negli

> ultimi anni. Non posso che essere soddisfatto.

Una Web serie sull’autismo ” Quello che vedo”

Vincenzo Catapano Fabio Fulco

L’autismo e un progetto sociale per la web series Quello che vedo

 

Nel cast, anche Fabio Fulco, regia di Maurizio Casagrande

 

 

Quello che vedo è un progetto sociale che nasce dalla volontà degli autori Vincenzo Catapano, Laura Pepe e Maia Salvato di portare alla ribalta uno tra i disturbi neurologici più invalidanti ma di cui purtroppo si parla ancora poco a causa di superficialità e pregiudizi, ovvero l’ autismo.

 

Gli autori, come gli attori, hanno intrapreso un vero e proprio studio degli effetti della patologia sulla vita sociale  relazionale dell’ individuo affetto da autismo, partendo da una visita al Centro di Riabilitazione NEAPOLISANIT di Ottaviano (NA) , centro di eccellenza in Campania nella riabilitazione di soggetti con deficit fisici – psichici e sensoriali e hanno deciso di raccontare attraverso una web serie una storia che parli di autismo e di integrazione nella quotidianità di soggetti affetti da tale patologia, mettendo in primo piano le difficoltà degli stessi e delle famiglie ma senza fare ricorso a toni drammatici usando toni leggeri e delicati.

 

Il 2 Aprile 2016 in occasione della giornata mondiale dell’ autismo l’ IRFID (Istituto per la Ricerca, la Formazione e l’Informazione sulle Disabilità) si farà promotore di innumerevoli iniziative, congressi e convegni internazionali, screening territoriali gratuiti a cura di medici ed esperti del settore in 8 importanti piazze della Regione Campania.

 

Tra le altre iniziative c’è la volontà di lanciare le prime due puntate della webserie Quello che vedo .

 

Tra i protagonisti , uno degli autori , Vincenzo Catapano e  Fabio Fulco con la regia di Maurizio Casagrande.

 

 

Scheda

 

Quello che vedo

 

 

 

Di Vincenzo Catapano- Laura Pepe- Maia Salvato

 

Regia Maurizio Casagrande

 

Direttore della Fotografia Giovanni Ragone

 

Montaggio Maria Iovine

 

Colonna sonora originale Antonio D’Apolito Luigi Ferrara

 

 

 

Cast : Maria Teresa Amato Salvatore Catanese Vincenzo Catapano Tiziana De Giacomo Mimmo Esposito Susy Del Giudice Fabio Fulco Caterina Gramaglia Igor Petrotto Anna Spagnuolo

 

Antonio D’Amora Lucia Manfuso

 

Trama

 

Quello che vedo è il titolo del tema assegnato dalla maestra a Mirko che frequenta la IV elementare.

 

Mirko Balestrieri (Antonio D’Amora) è figlio di Carlo Balestrieri (Fabio Fulco) e fratello di Filippo (Vincenzo Catapano), un ragazzo autistico.

 

Prendendo spunto dal compito in classe assegnato, Mirko ci condurrà nel suo mondo, fatto di routine, di attenzioni, di preoccupazioni, di nuovi incontri.

 

Attraverso il tema di Mirko scopriremo fatti e personaggi che popolano la sua vita: La Dottoressa che ha in cura il fratello (Caterina Gramaglia) è innamorata del suo collega Enrico (Mimmo Esposito) il quale ha una relazione con   Alessio (Salvatore Catanese) ma la loro storia è messa in crisi dal rapporto molto stretto che Alessio ha con la sua migliore amica Alba (Mariateresa Amato) quando si offre di ospitarla in casa assieme alla figlia Marta (Lucia Manfuso).  Conosceremo Mimma e Caterina (Anna Spagnuolo e Susy Del Giudice) rispettivamente portiera del condominio dove abitano i balestrieri e Alessio, e la cuoca del locale. Loro sono la verve comica della storia, spiano e sparlano di tutti sotto gli occhi divertiti di Mirko e Marta che a causa delle assenze dei genitori passano troppo tempo in portineria. Sono loro a intuire per prime che la relazione tra Simona (Tiziana De Giacomo) e Fabrizio, il fornitore del locale (Igor Petrotto) forse è finita perché tra la giovane barista del locale che Carlo gestisce e l’avvenente titolare c’è qualcosa in più…

 

 

 

E’ un racconto di amore, di quotidianità e di diversità. La storia di Filippo, ragazzo autistico, fa da sfondo a uno scenario di diversità e ambiguità che solo apparentemente appartengono a lui ma che di fatto appartengono a ognuno di noi.

 

In un racconto articolato in sei episodi la storia ci appassiona, ci porta con semplicità in casa Balestrieri, nel loro locale, nella casa di Alessio, al centro per autistici mostrandoci ciò che se guardassimo con un po’ più di attenzione tutti quanti dovremmo vedere….

 

 

Credits

 

Regia Maurizio Casagrande

 

Scritto da Vincenzo Catapano Laura Pepe Maia Salvato

 

Direttore della fotografia Giovanni Ragone

 

Montaggio Maria Iovine

 

Colonna sonora originale “La Bottega delle Meraviglie “ degli Insana Percezione

 

Musiche  eseguite da Antonio D’apolito e Giuseppe Ferrara

 

Consulenza costumi Gloriana Manfra – Mariella Cuccurullo

 

Consulenza Scenografia  Erisilda Mirofci

 

Segretaria di edizione Esmeralda Da ru

 

Operatore Tonino Cesarini

 

Aiuto operatore Andrea Soncin

 

Fonico di presa diretta Paolo Giuliano

 

Trucco Chiara Fulli

 

Runner Giuseppe Gargiulo

 

Ufficio stampa Massmedia comunicazione – Sante Cossentino

 

Promozione e consulenza web Giuseppe Cossentino

 

 

In Collaborazione  con  IRFID –  Ottaviano (Na)