Archivio mensile:novembre 2016

I GRANDI DI DUBAI AD AFRAGOLA NEL REGNO D-STYLE L’OCCHIALE ITALIANO

rubel-e-auriemmaDomenico Auriemma titolare del brand D-Style continua la sua ascesa verso Emirati Arabi e in particolare modo nel mercato di Dubai. Antonio Rubel Cfo dell’Arab fashion week ha fatto visita al noto imprenditore napoletano personalmente, accompagnato dal team di Bgi di Dubai. Antonio Rubel è stato titolare di diverse iniziative imprenditoriali che abbracciano una carriera di oltre 35 anni. nel 1978, ha fondato interoffice Holding AG, , la rete di distribuzione più forte nel settore degli uffici della Svizzera con sedi in Svizzera e nei mercati internazionali. Rubel ha iniziato la sua carriera nel 1968 lavorando per Solvay Pharmaceuticals come Export Manager e analista di investimenti di Merrill Lynch.  Al Consiglio di moda araba, Rubel è il responsabile finanziario co-capo. Il patron si è complimentato con Auriemma per il successo che sta ottenendo sui mercati Arabi ed ha espresso profonda ammirazione per il suo operato. Una visita importante e significativa. Un primo passo che dimostra che quando un imprenditore lavora nel concreto, offrendo prodotti innovativi con uno stile unico, la strada si traccia da sola.

FABRIZIO BUOMPASTORE, da Tutti pazzi per amore al cinema in NON SI RUBA A CASA DEI LADRI”

Fabrizio Buompastore3.jpg

FABRIZIO BUOMPASTORE,da Tutti pazzi per amore al cinema nel nuovo film di Vanzina

 

Un volto noto tra tv e cinema. Come dimenticare Fabrizio Buompastore nel ruolo dell’irresistibile ginecologo della fiction cult Tutti pazzi per amore. E dal 3 novembre è in tutte le sale nel film di Carlo Vanzina Non si ruba a casa dei ladri.

 “Sono un onorevole faccendiere, che ne combinerà di tutti i colori” spiega l’attore barese, con un curriculum di tutto rispetto alle spalle.

Tra le fiction lo abbiamo visto anche in RIS e Boris, e in vari film come Honeymoon, Codice Swordfish, Se sei così, ti dico sì, Pane e Bourlesque.

Nel film di Vanzina, Non si ruba a casa dei ladri recita al fianco di un cast stellare, da Massimo Ghini a Vincenzo Salemme e Maurizio Mattioli, Stefania Rocca, Manuela Arcuri.

“E’ un film divertente, assolutamente da non perdere. Lavorare con Vanzina è stato fantastico, un professionista meticoloso! Ho poi condiviso molte scene con Vincenzo Salemme, un attore straordinario” racconta Buompastore.

Non si ruba a casa dei ladri è una pellicola imperdibile per quasi due  ore di sane risate con la commedia italiana.

Su LA5 la nuova edizione del kids talent TRA SOGNO E REALTA’

Tra sogno e realtà.jpg

AL VIA DA LUNEDÌ 28 NOVEMBRE ALLE ORE 16.45
LA NUOVA EDIZIONE DI “TRA SOGNO E REALTÀ”

Francesco Capodacqua ed una giuria composta da
Simona Borioni, Josè Perez e la new entry Silvia Salemi
seleziona giovani talenti tra i 5 ed i 16 anni

“Tra sogno e realtà”, il talent show di La5 dedicato ai giovani tra i 5 e i 16 anni, torna con la seconda edizione, al via da lunedì 28 novembre alle ore 16.45, con 25 appuntamenti quotidiani.

Un format di successo ha sempre necessità di essere rinnovato, ed è quello che è successo a “Tra Sogno e Realtà”, realizzato dalla Sunshine Production di Bruno Frustaci e Alessandro Carpigo col produttore associato Luca Garavelli e con la collaborazione di Francesco Vitiello, che ha supportato la produzione durante l’intera fase delle selezioni per tutto l’anno.

Innanzitutto con Francesco Capodacqua, lanciato da “Amici di Maria De Filippi”, alla conduzione a partire dai casting e le selezioni, ad Abano Terme.
E i baby artisti, pronti ad esibirsi per accedere alle fasi finali in onda a fine dicembre, ritrovano due giudici, Simona Borioni e Jose Perez, insieme alla new entry Silvia Salemi.
Ad arricchire le esibizioni dei giovanissimi talenti, l’accompagnamento musicale dal vivo del Maestro Vincenzo Sorrentino.

In sei mesi di selezioni effettuate nelle piazze italiane, sono stati valutati più di 7.000 talenti: ballerini, cantanti, attori, musicisti e rappresentanti di arti varie.
Di questi, 530 hanno avuto accesso allo show televisivo, strutturato in quattro fasi: Challenge, in cui i bambini e i ragazzi si esibiscono singolarmente davanti ai giudici; In&Out, in cui i giudici hanno modo di rivedere tutti i concorrenti che hanno ricevuto due o tre Sì nella fase precedente e decidere chi riesca a portare in scena al meglio il suo talento; Semifinale, in cui i 54 concorrenti rimasti in gara si sfidano ulteriormente divisi in gruppi; Finale, in cui dei 18 talenti sopravvissuti nelle fasi precedenti, soltanto uno vedrà davvero la trasformazione del suo sogno in realtà.

La Semifinale e la Finale si trasformeranno in due appuntamenti speciali, trasmessi in prime-time da La5, durante le feste natalizie, con la partecipazione speciale di Emanuela Folliero, conduttrice della prima edizione. Tra gli ospiti delle due serate finali, Moses ed il quarto giudice Bill Goodson.

Fabio La Fata, nel cast di” Rocco Schiavone su Rai2

Grandefabio-la-fata-4 ruolo per Fabio La Fata in “Rocco Schiavone”, al fianco di Marco Giallini su Rai 2.

Dopo varie partecipazioni in tante fiction, tra cui anche Don Matteo, Fabio La Fata vive un’importante opportunità con un personaggio fisso nella fiction. “Interpreto Antonio Scipioni, vice ispettore della questura di Aosta, un tipo coraggioso, dinamico, un tipo adrenalinico che ama il rischio” racconta l’attore siciliano.

La Fata ha recitato accanto a Giallini, uno degli attori più amati del cinema italiano.

“Lavorare con Marco è stato stupendo, mi dava consigli di vita e di lavoro, è una grande persona oltre che un grande professionista!” assicura.

Fabio La Fata strizza l’occhio anche al cinema.

“Sono tornato da poco dell’Afghanistan, dove ho girato un film con Marco Tullio Giordana. Sogno di diventare presto protagonista di un film al cinema che racconta la mia terra cioè la Sicilia e di continuare  Rocco Schiavone con un secondo ciclo di puntate” confessa l’attore, scoperto dalla sua manager Marianna De Martino, e lanciassimo tra cinema e televisione.

Miss Europe Continental 2016. L’intervista alla coreografa Rita Giselle

giselle-coreografaDI ANNAMARIA MINICHINO

Si avvicina la finalissima di Miss Europe Continental 2016, condotta da Veronica Maya e Marco Senise, nella cornice di Spoleto, e le Miss finaliste, provenienti da tutto il mondo, saranno guidate da una bravissima coreografa : Rita Giselle.

Quando è iniziata la tua collaborazione con Miss Europe e cosa t’ha spinta ad accettare il loro progetto?

La mia collaborazione è iniziata nel 2014 :ho accettato questo progetto in quanto lo ritengo molto stimolante poiché mi permette di entrare in contatto con diverse culture e approcciarmi ad un mondo che non è quello della danza ma che comunque è uno spettacolo che unisce bellezza, arte e cultura.

Come stai preparando le miss e come
rispondono alle tue idee?

La preparazione delle miss è un percorso divertente ma allo stesso tempo impegnativo perché le ragazze sono abilissime a sfilare ma non hanno le capacità coordinative di un ballerino. Le coreografie sono legate alla storia e all’arte perché miss Europe è un concorso che ricerca la bellezza in tutte le sue forme ma non posso svelare altro ….vi attendono bellissime sorprese per la finalissima di Spoleto.

Ti ispiri a qualche maestro- coreografo in particolare?

Non mi ispiro a nessun coreografo, sono le modelle ad ispirarmi: prendiamo spunto dalla loro personalità e dalla bellissima cornice che ci circonda.

Cosa ti ha stupito di più dell’edizione in corso?
Mi ha stupito la presenza di 22 paesi in gara, il concorso è giovane ma è già meta ambita di tante ragazze che vogliono avvicinarsi alla moda e allo spettacolo.

Progetti lavorativi futuri e sogni nel cassetto?
Continuare a seguire la passione e l’amore per la danza: il posto dei nostri sogni non è il cassetto ma una sala di danza e si realizzano solo attraverso il lavoro, la grinta e la determinazione che rendono possibile ogni cosa.