Archivio mensile:gennaio 2017

Anche Walter Veltroni gusta la pizza Lioniello!

walter-veltroni-lioniello

Walter Veltroni, l’ex leader nazionale del PD, giornalista, scrittore e regista di passaggio ad Orta di Atella e non ha potuto non pranzare nella famosa pizzeria Lioniello, gli artigiani della pizza.

Veltroni ha deciso di gustare la prelibata pizza di Lioniello, che ormai è sulla bocca di tutti, dato che Salvatore, il pizzaiolo col cappello fa parlare di sé, tutti i media varcando spesso i confini regionali.

D’Altronde la pizza Lioniello, oltre a deliziare il palato degli amanti della pizza è una garanzia di qualità, gusto e successo!

DI GIUSEPPE COSSENTINO

E’ nata ” White Tv” nuovo canale tematico femminile della Campania.

white-tv

La Campania fa parlare di sè di tanti aspetti positivi, accantonando problemi sociali e territoriali, allontanandosi dai luoghi comuni  che spesso  la etichettano in modo non piacevole.  Anzi, si mostra terra in fermento di idee e iniziative. Infatti, la regione era sprovvista di un canale tematico tutto al femminile, che andasse incontro alle esigenze del gentil sesso, pubblico esigente che ama restare sempre aggiornato sulle ultime tendenze. Ed ecco che per colmare questa lacuna nasce ” White tv”, un contenitore di storie, emozioni e sensazioni e soluzioni studiate ad hoc per l’altra metà del cielo, con un linguaggio rapido, leggero e totalmente differente dalle altre tv presenti sul territorio. Questa nuova tv è la risultante di professionalità e creatività degli editori Alfredo Carbone e Angelo Vanzanella, della Big Bang Production, con la grande collaborazione fattiva non poteva essere altrimenti di una presenza femminile giovane e fresca, della giornalista Margherita Manno per dare quel tocco di femminilità alla progettazione del nuovo canale tematico.  La giovane tv è stata presentata a Villa Diamante il 3 Gennaio 2017, con madrina la showgirl Raffaelle Fico, che ha presentato alla stampa presente in sala i due nuovi progetti in onda su ” White tv”: ” Wedding Tour”, un appassionante viaggio tra i professionisti del matrimonio, e ” Sapori di Napoli”, rubrica enogastronomica che punta a far conoscere un prodotto campano sempre più buono, salutare e veloce nella preparazione.

La ” White Tv” è visibile dal 3 Gennaio 2017 su Canale 100 del digitale terrestre.

Maratona D’Estate: audizioni e selezioni in corso di ballerini e ballerine per lo spettacolo ” BENTORNATI ITALIANI”

maratona-destate-logo

MARATONA D’ESTATE – FESTIVAL DELLA DANZA CITTA’ DI PAESTUM seleziona ballerini e ballerine per lo spettacolo di gala “Bentornati italiani”
Maratona d’estate – festival della danza città di Paestum, anche per la prossima edizione, in programma dal 24 al 30 luglio 2017, organizza la serata di gala “Bentornati italiani”, pertanto il direttore artistico Stefano Forti, che è inoltre l’ideatore assoluto della kermesse, sta selezionando danzatori e danzatrici, di nazionalità italiana che lavorano all’estero, da far esibire sul palco allestito all’interno dell’arena dei templi di Paestum. Gli interessati a partecipare a “Bentornati italiani” possono rivolgersi alla redazione Fortinews di MARATONA D’ESTATE, inviando il loro curriculum ed informazioni sulla performance da portare in scena agli indirizzi mail: fortinews@libero.it o mar.info@libero.it oppure contattare direttamente
Marita Miano tel. 347. 384 3638

Maratona D’Estate: selezioni in corso di ballerini e ballerine per lo spettacolo ” Bentornati italiani”

maratona-destate-logoMARATONA D’ESTATE – FESTIVAL DELLA DANZA CITTA’ DI PAESTUM seleziona ballerini e ballerine per lo spettacolo di gala “Bentornati italiani”
Maratona d’estate – festival della danza città di Paestum, anche per la prossima edizione, in programma dal 24 al 30 luglio 2017, organizza la serata di gala “Bentornati italiani”, pertanto il direttore artistico Stefano Forti, che è inoltre l’ideatore assoluto della kermesse, sta selezionando danzatori e danzatrici, di nazionalità italiana che lavorano all’estero, da far esibire sul palco allestito all’interno dell’arena dei templi di Paestum. Gli interessati a partecipare a “Bentornati italiani” possono rivolgersi alla redazione Fortinews di MARATONA D’ESTATE, inviando il loro curriculum ed informazioni sulla performance da portare in scena agli indirizzi mail: fortinews@libero.it o mar.info@libero.it oppure contattare direttamente
Marita Miano tel. 347. 384 3638

Una pizza diversamente napoletana quella di Salvatore Lioniello. La nostra recensione.

salvatore-lioniello6

Basta poco per trascorrere una serata speciale . Decidi di mangiare una pizza e di scegliere quella diversamente napoletana, firmata da Salvatore Lioniello a Orta di Atella. Come sempre , una fila chilometrica , alle otto di sera ,fuori dal locale . Tante persone in attesa , per assaggiare la famosa pizza di Lioniello . L’attesa non è mai piacevole ma a volte proprio l’attesa aumenta il piacere ! Seduti a tavola, ci troviamo in un locale accogliente , un personale sempre presente e disponibile , un menù elegante e ricchissimo di pizze da poter scegliere oltre alle classiche . Tutti gli ingredienti sono accostati in modo sapiente e mai casuale e la tentazione di assaggiare più di una pizza , per sperimentare nuovi sapori e altri gusti , ti prende . Ed ecco che scopri come un menù apparentemente normale presenta vere e proprie novità culinarie in fatto di pizze : una pizza leggera, saporita, nutriente e ricca di tante bontà , unite in gusti diversi e sempre prelibati .
Mentre mangi , Salvatore Lioniello non si muove mai dal suo bancone: nelle pizze c’è il lavoro del maestro della pizza diversamente napoletana ma sicuramente molto buona .
E noti come con passione e massima attenzione ci tiene alle sue pizze , alla cura della clientela presente , alla velocità del servizio , alla soddisfazione di chi va a trovarlo nel suo piccolo regno di Orta di Atella.
Elegante , simpatico , fantasioso e capace , Salvatore Lioniello colpisce sempre nel segno con la migliore pizza che si può trovare .

James Loyd il sogno di un mangaka italiano

jamesDI MARCO ADDATI

James Loyd il sogno di un mangaka italiano

James Loyd, di Castelgomberto,un paesino in provincia di Vicenza, cresciuto a pane, marmellata e cartoni animati  sogna per il suo futuro  di raccontare tante storie come quelle che lo hanno accompagnato durante la sua infanzia e adolescenza. Cartoni animati come Sailormoon, Dragonball, Detective Conan, Lupin e Shaman King, solo per citarne alcuni,  che ha seguito con passione e che hanno segnato il suo percorso e influenzato il suo caratteristico tratto.

Ha fatto suoi alcuni elementi tipici degli anime e dei manga tanto che attraverso un attento studio delle tavole James Loyd crea i suoi fumetti, un chiaro omaggio a quelli giapponesi da lui tanto amati.

Dopo il diploma si iscrive all’Accademia Europea di Manga, durante il primo anno studia la tecnica manga mentre il secondo anno narrativa editoriale. Nel frattempo segue dei corsi di fumetto e un Master con la bravissima Kawaguchi Mizue (ex-assistente della autrice di Sailor moon).

Attualmente sta facendo un viaggio studio alla Yoyogi Animation College a Tokyo dove sta approfondendo le tecniche di disegno manga.  Com’è giusto che sia per ogni “otaku” che si rispetti, quella del Paese del Sol Levante è una tappa obbligata non solo per studiare manga ma anche per ritrovare tutti gli elementi e le sensazioni che fino ad ora questi gli hanno trasmesso.

 

Da quanto tempo disegni?

Disegno da quando ero piccolo. Ricordo ancora quando mi è nata la passione: approfittavo della bravura nel disegno di mia mamma quando copiava i personaggi Disney così che io potessi colorarli. Chiedevo in continuazione che disegnasse per me, tanto che ad un certo punto si stufò e mi diede il foglio di carta e la matita e mi disse che era finalmente giunto il momento che anch’io disegnassi.  Da quel momento in poi mi sono sempre dato da fare per imitare e disegnare tutto ciò che mi piaceva.

Qual è stato il tuo percorso di studi?

Ho partecipato a dei corsi estivi  in Toscana alla “Manga Summer School” durante le vacanze tra gli studi informatici delle superiori.

Dopo il diploma della quinta superiore, mi sono iscritto all’Accademia Europea di Manga: il primo anno dedicato alla tecnica manga, mentre il secondo anno ho approfondito narrativa editoriale.

Il corso estivo era un master con la bravissima Kawaguchi Mizue (ex-assistente della autrice di Sailor moon).

Prossimamente con la mia scuola farò un viaggio in Giappone a Tokyo dove poter studiare la tecnica.

Le tue letture preferite?

Questa è una bella domanda… per il momento posso citare: Tsubasa Chronicle, Fairytail, To love ru, Zetman.

 

Quali artisti ti hanno influenzato?

Kentaro Yabuki (To love ru), Clamp, Hiro Mashima (Fairy Tail), Ken Akamatsu (Negima e Love Hina), Masakazu Katsura, Ayuko Hatta (Wolf Girl & Black Prince), Mayu Sakai(Clematica Shoe Store), Oh! Great (Air Gear), Mizuki Kawashita (Anedoki), Hinata Takeda (Gosich), Maki Youko (Pika Ichi), Takeshi Obata.

Cosa stai realizzando in questo momento?

Sto realizzando un mio volume con una casa editrice toscana, una storia con molte sfaccettature in cui mescolo amore, azione, dramma, sangue, crudeltà. Una storia molto impegnativa e particolare.

Sto realizzando anche qualche progetto per una seconda storia da far pubblicare da un’altra casa editrice ( spero a breve venga stampato).

Sto ancora realizzando per una ditta di biglietti d’auguri un intero set in stile manga.

E’ facile far conoscere i propri lavori attraverso la rete?

Credo di no … una volta se si era bravi e si voleva emergere si avevano pochi mezzi, ma era più semplice contattare le case con interessi grafici, ora non è più così.

Esistono troppi social network e troppe possibilità per mostrare i propri lavori, tanto che si rischia di perdersi nel marasma delle informazioni. Questo porta, nel mondo del marketing, a non rivolgersi più ai giovani disegnatori con talento ma a persone che già si conoscono.

A cosa ti ispiri per disegnare?

Bella domanda, è il problema di ogni artista. Di solito mi guardo attorno e cerco di prendere spunto anche dalle cose più banali, dalla musica, dai sogni o da eventi passati.

 

Cosa puoi raccontarci delle tue illustrazioni?

Voglio raccontare una parte di me, trasmettere degli insegnamenti e mostrare la bellezza nelle cose semplici. L’illustrazione qui affianco, ad esempio, l’ho ideata per un concorso internazionale giapponese. Realizzata in due tempi (a causa di scadenze), per il concorso sono riuscito a finire solo il personaggio, successivamente ho completato l’illustrazione con lo sfondo.

Il mio stile richiama molto quello del gruppo delle autrici “Clamp” con accenni di vari altri autori. Do molta importanza all’anatomia e alle forme.

Amo disegnare illustrazioni raffinate ed eleganti, specialmente quei personaggi in posa al momento dell’azione.

La tecnica è puramente orientale, inchiostrazione nera tramite pennino maru, colorazione stile pittorica con il programma Clip Studio Paint.

Il Character Design è la cosa che amo di più in ogni lavoro. Ad esempio il kimono è realizzato mescolando le fantasie di quello cinese con quello giapponese  inserendo delle scollature classiche. Ho così realizzato qualcosa nato dalla realtà misto alla fantasia.

Tra i cartoni animati recenti quali consiglieresti di guardare?

Sicuramente Anohana, Tsubasa Chronicles, Sakura Card Capture, Evangelion, Tokyo Magnitude  8.0, Guilty Crown e molti altri ancora. Senza contare i film di animazione di Myazaki (La città incantata, Il castello errante di Howl, Totoro), Masahiro Ando (Sword of Stranger) e Mamoru Hosoda (Summer Wars, La ragazza che saltava nel tempo).

Come nasce un’idea davanti al foglio bianco?

Quando mi trovo davanti ad un foglio bianco la prima cosa che faccio è guardarmi attorno, schizzare qualche abito e se proprio non riesco a sviluppare nulla di nuovo realizzo qualche fan-art di anime/manga visti/letti o presentare il personaggio in una scena che mi è piaciuta o che io avrei creato.

Ho molti progetti nel cassetto e molti in fase di sviluppo!

Molto spesso mi esercito con pose, espressioni e vestiario di personaggi delle mie storie e cerco di arricchire il loro trattamento grafico.

In media parto ideandone la posa e poi progetto l’abito e la pettinatura possibile in un foglio a parte.

C’è un futuro per i “mangaka italiani” qui da noi?

Spero proprio di sì! Per quanto mi riguarda ci sto mettendo tutto l’impegno possibile.

Ci metto molta passione e dedizione in quello che faccio!

Spendo tanto tempo ed energie ogni volta che realizzo qualcosa ma ne sono comunque contento.

Nel frattempo mi dedico al campo dell’illustrazione sperando di farmi conoscere ed apprezzare da un vasto pubblico che mi supporti e che mi porti avanti!

Ci sono tanti ragazzi che mi sostengono, fans appassionati come me sempre pronti a darmi una mano, a sostenere questo mio sogno sempre meno irrealistico.

l tuo sogno?

Ho molti sogni, in primis pubblicare numerosi manga, poi riuscire a vivere con le mie pubblicazioni, viaggiare per migliorarmi sempre di più, fare lo standista in fiere internazionali e lasciare una impronta nel cuore dei lettori. Non voglio fermarmi ma voglio mostrare a tutti gli aspiranti mangaka che per avere un futuro non bisogna solo sognarlo ma lottare e fare molti sacrifici.

Per ammirare le opere di questo giovane artista cliccare i seguenti link:

https://www.facebook.com/zamesmangakaita/?fref=ts

Paco De Rosa, il Braccio di Ferro di ” Fatti Unici”

paco-de-rosa

Paco De Rosa, il Braccio di Ferro di “Fatti Unici”

L’attore è tra i protagonisti della sit-comedy live più innovativa e divertente degli ultimi anni.

Paco De Rosa, anche quest’anno, è tra i protagonisti dello show interattivo “Fatti Unici”, giunto alla seconda edizione.

La situation comedy live è di scena al Teatro Politeama con sei nuovi episodi fino a domenica 8 gennaio, sempre alle ore 21.

Il maestro Lello Arena, è il regista di questa innovativa situation comedy live, ambientata in un commissariato tanto improbabile quanto crogiolo di situazioni paradossali, ma assolutamente divertentissime.

Un cast stellare, che anche quest’anno conta su artisti come Paolo Caiazzo, Maria Bolignano, Ciro Ceruti, Francesco Procopio e Floriana De Martino, e su giovani di grande talento come Costanza Caracciolo, Martina Cassarà, Simone Gallo, Francesco Mastandrea, Piera Russo e Ciro Pauciullo.

Paco sarà ancora Braccio di Ferro, unfuori-legge” per nulla temibile e poco spigliato, che spesso, più che togliersi dai guai ne causa altri. Un ladruncolo dalla grande ironia, che anche in questa stagione farà morire dal ridere il pubblico con gag esilaranti, e non solo, stupirà gli spettatori grazie all’evoluzione del suo personaggio.

Per sapere come andrà a finire basta fare un salto al Teatro Politeama di Napoli fino a domenica otto gennaio, sempre alle ore 21, per garantirsi una serata ricca di risate di grana grossa.

L’attore, nonostante la giovane età, vanta un curriculum notevole grazie alle sue collaborazioni con registi del calibro di Marco Risi, Claudio Insegno, Massimo Bonetti e Ciro Ceruti, oltre a quella attuale con Lello Arena, un vero monumento della comicità italiana.

Il 2017 sarà un anno molto importante per il giovane artista partenopeo, che dopo una lunga gavetta all’accademia del Teatro Totò, a 30 anni vede fruttare tutti i sacrifici fatti per formarsi da attore professionista.

Sono tanti i progetti in cantiere per Paco De Rosa, attore brillante e di grande prospettiva artistica, vista la giovanissima età.