Archivio mensile:aprile 2017

” L’Amore Conta” l’arte e lo spettacolo a servizio della beneficenza e delle giuste cause.

Amore Conta Post Evento 2“L’ Amore Conta” l’evento a scopo benefico giunto alla seconda edizione ha avuto un successo straordinario. Organizzato dall’intraprendente e instancabile Davide Napoletano, in memoria del fratello, Vincenzo Napoletano, giovane pallavolista scomparso per una brutta malattia all’età di 19 anni. L’incasso della serata che si è svolta il 22 aprile al Nadur di Cicciano è stato donato al piccolo Carlo, sedicenne in cura al Bambin Gesù di Roma per un linfoma di Hodgkin.

Canzoni, musica, ballo,  tradizione, monologhi, cinema e arte in ogni sua forma hanno arricchito la serata che è stata condotta con sobrietà ed eleganza dalla bellissima Edda Cioffi e il simpatico Maurizio Viviani.

Trecento persone presenti alla serata. Hanno partecipato alla serata tantissimi artisti e vip…

Luca Sepe,Antonio Manganiello,Rosario Verde,Gli Scacciapensieri,Sal e Angelo de I PARIA’,Barbato De Stefano,Federica Raimo,Danila e Marlios,Salvatore Ciccone e Maria Girotta,Antonio Ciccone,Angelo Di Gennaro,Giovanni De Filippis,Michele Napolitano,Nello Odierna,Myky Petillo, lo sceneggiatore e il regista Giuseppe Cossentino e Nunzio Bellino, l’uomo elastico, Angelo Iannelli, Gregorio Rega. Si ringraziano per le collaborazioni: Club Amico Liscio,Offside Sport di Claudia Coppola,Ingro Paper di Francesca Scognamiglio, Zeus Sport, Comitato Genitori Cicciano con Mena Bolognini, Asd Iena Soccer Academy 2014, Idroterm Vodafone di Gianpaolo Napolitano, Italiana Assicurazioni di Ciro Martiniello, Proloco Cicciano con Pietro Bernardo e il prof. Maurizio Napolitano,l’Amministrazione Comunale e il sindaco Arvonio Raffaele, tutta la redazione StreetNews.it con Nicola Napolitano,Rosalba Lisbo Parrella,Veria Delle Cave,Antonella Caccavale,Ciro Sannino,Margherita Saporito,Giuseppe Russo,Annalaura Ammaturo,Mario Mix.

Uno speciale ringraziamento va al Service Vecchione.

Visto il successo il direttore artistico Davide Napoletano ha annunciato una terza edizione attraverso i suoi canali social di questo evento che da due anni riunisce tanti artisti e nomi dello spettacolo partenopeo e della scena nazionale con l’unico scopo di dare amore in nome della beneficenza e per delle giuste cause. Il messaggio della manifestazione è chiaro: “ Doniamo e ci verrà restituito, perché il Vero motore della vita e’ l’amore”. Perciò, L’ Amore Conta!

 

Gilberto Idonea, un’artista a 360° che porta l’arte della recitazione nel mondo attraverso, teatro, cinema e tv!

Gilberto Idonea1

Gilberto Idonea e quella Sicilia che ha saputo conquistare i colori del mondo. Da “La Piovra” a “Malena”, dall'”Onore e il rispetto” a “Montalbano”. Tutti i segreti dell’intramontabile successo di Gilberto.

Gilberto Idonea è attualmente sul piccolo schermo con L’Onore e il rispetto. A lui abbiamo chiesto qualche indiscrezione circa il proseguo della serie e ci ha risposto così:

“Non so dirvi con esattezza se concluderemo la serie con questo capitolo, certo potremmo dirci addio oppure no, abbiamo girato varie opzioni. Deciderà il produttore”.

Gilberto ha lavorato tra una battuta e l’altra, gli abbiamo chiesto come mai i polizieschi riescano al giorno d’oggi a tenere milioni di telespettatori incollati dinanzi al televisore, ma soprattutto come mai il “cattivo” ha successo più dei “bello”.

“I personaggi negativi sono spesso anche i più amati perché riescono ad intrigare di più. Non a caso gli autori cercano sempre di donar loro un’aria misteriosa e una storia complessa, che va ad intrecciarsi con altre situazioni. Perché hanno ancora successo? Perché non sono mai trattati con pesantezza,

è un mix di poliziesco, storie d’amore, storie di vita e del quotidiano. Il pubblico ricerca anche la leggerezza”.

Tra i suoi lavori più grandi, meritano di esser citati “La Piovra” e “Malena” col grande Tornatore. Cosa ricordi di queste due esperienze lavorative?

“La Piovra è stato l’apoteosi dei film sulla mafia ed è stato tra l’altro il lavoro che mi ha portato ad esser noto anche al di là dei confini italiani. Pensate che quando mi sono recato in Russia per girare una Fiction su Anna German fui riconosciuto in aeroporto proprio per il ruolo che interpretavo. Peccato che in Rai decisero che la Piovra offendeva la Sicilia e decisero di non farla più”.

Hai progetti per il futuro? 

“Ci sono varie cose a cui posso lavorare, ma ho un contratto che scade nel 2018 ed ho deciso di rispettarlo fino alla fine. Vedremo e incrociate le dita anche per me”.

Achille Mellini, presenta Maurizio Mattioli, in Ancora era Ora! Regia Stefano Reali

Locandina (1).jpgACHILLE MELLINI

PRESENTA

MAURIZIO MATTIOLI

in

ANCORA ERA ORA!

Regia STEFANO REALI

 

TEATRO TIRSO DE MOLINA

Dal 19 al 30 aprile

 

Grande, grosso e pieno di quell’allegria genuina che gli arriva direttamente dalla sua città.

Sul palcoscenico del Teatro Tirso de Molina, Maurizio Mattioli, l’attore romano DOC, nato e cresciuto in borgata, grande comico, vero erede di Aldo Fabrizi, uno dei pochi attori italiani capace di passare dal cinema, alla televisione, al doppiaggio, al cabaret, al teatro comico, al teatro serio, alla festa di piazza, sempre con eguale scioltezza, si racconta per la prima volta.

“Ancora era ora!” è la sua esilarante biografia, dagli esordi come “barzellettaro” nei bar di borgata, fino al grande teatro, al cinema, e alla tivù, il tutto con un’orchestra dal vivo che accompagna Mattioli in una serie di canzoni che hanno segnato un’epoca, dagli anni settanta ad oggi.

In scena con lui c’è Stefano Reali, regista, qui in veste di narratore, che provoca ed istiga Maurizio Mattioli nel rievocare, con i suoi racconti irriverenti e comicissimi, il gusto di un’epoca che non c’è più, e di cui in tanti sentiamo la mancanza.

C’è tutto Mattioli in questo “one man show” dal ritmo incalzante e la risata assicurata: infanzia, vocazione, vita e miracoli di un figlio della periferia, che ne racconta le pulsioni e le contraddizioni. Dagli inizi al bar del Pino, dove neanche sedicenne intratteneva gli avventori di Piazza Guadalupe, e dove conobbe una serie di personaggi, come Nino “l’Americano”, Mario “Er Poca Luce”, Zebrotto “Er Zanzara”, e Angioletto “Er Cofano”, che saranno poi tra i pilastri della sua cifra comica, passando per il teatro “serio” con Luigi Squarzina ed Enrico Maria Salerno. E poi il Puff, per approdare finalmente al Sistina, con la sua irripetibile interpretazione di Mastro Titta nel celebre “Rugantino” di Garinei e Giovannini.

Ma nella sua carriera c’è stato spazio anche per tantissimo cinema e tanta televisione. Tutto questo ci verrà raccontato da Mattioli, intervallato dalla sua personalissima interpretazione di brani dell’amato Califano, del maestro Trovajoli e di Francesco De Gregori.

Possiamo considerarlo tra gli artisti più amati del prestigioso teatro Tirso de Molina, l’unico teatro capace di far vivere l’emozione e la leggerezza attraverso i grandi nomi della romanità con la direzione artistica di Achille Mellini.

«Maurizio Mattioli è l’unico vero erede di una generazione di artisti come Aldo Fabrizi, Mario Carotenuto, Paolo Stoppa, Renato Rascel», dice Stefano Reali, compagno di avventura e amico di una vita del comico romano, «personaggi che avevano la forza di un attore protagonista e al tempo stesso la bonomia e il calore di un caratterista. È un qualcosa che non ha eguali nelle cinematografie straniere, si tratta di una particolarità italiana, e forse, quasi tutta romana. Sono personaggi che possiedono caratteristiche contraddittorie: hanno ferocia, rabbia, ma anche simpatia, amabilità, profondità, senso dell’ironica leggerezza della vita, potenza drammatica e una dirompente forza comica. Il tutto mischiato nelle dosi giuste. È per questo che artisti di questo tipo sono sempre stati amatissimi dal pubblico. Mattioli è forse l’ultimo esponente di una razza, che sinceramente mi sembra in via di estinzione…».

COSTO BIGLIETTO

Intero:

mercoledì e giovedì € 25

venerdì, sabato e domenica € 27

Ridotto:

mercoledì e giovedì € 22

venerdì, sabato e domenica € 24

 

ORARI

mercoledì, giovedì, venerdì e sabato ore 21:00

sabato e domenica ore 17:30

 

Biglietti in vendita anche su TicketOne

http://www.ticketone.it

 

Teatro Tirso De Molina

Via Tirso, 89 (Piazza Buenos Aires)

00198 Roma

06.8411827

http://www.teatrotirsodemolina.it

Parcheggio convenzionato in Via Tirso, 14

 

Ufficio Stampa Daniela Chessa chessa.stampa@gmail.com – recapito 347.7868350 www.danielachessa.it

Massimiliano Varrese ci presenta il suo training olistico attoriale

Massimiliano VarreseTraining olistico attoriale™ di preparazione alla performance a cura di Massimiliano Varrese.

Affrontare una performance, di qualunque tipo essa sia, non è mai problematico se si riesce ad arrivare ad essa adeguatamente concentrati, ma soprattutto liberi da sentimenti e sensazioni negative, quali ansia e stress psico-fisico.

Il training, ad esempio, è senza dubbio alcuno un mezzo fondamentale per raggiungere la tranquillità e la positività, ma è anche vero che non tutti sono in grado di praticarlo autonomamente.

E’ da questi presupposti che nasce l’idea di creare un programma audio che possa fungere da supporto a coloro i quali sentano la necessità di essere guidati passo dopo passo da una sorta di “personal trainer” virtuale, che scandisca tappe, progressi e obiettivi quotidiani, oltre a fornire importanti spunti per combattere lo stress con il quale tutti i giorni ci si trova a far i conti. Il Training olistico attoriale™ di preparazione alla performance è stato ideato e curato da Massimiliano Varrese, attore, docente alla Acting Academy di Claudia Gerini, artista marziale e operatore olistico.

In cosa consiste il programma? Va innanzitutto precisato come i programmi audio di Area51 costituiscano un nuovo modo per avanzare nella vostra crescita personale e mettere subito in pratica ciò che ascoltate. Nello specifico, ci si troverà dinanzi a un’offerta formativa di 2 ore di audio, 13 tracce mp3 di audio e 9 esercizi guidati passo passo, cui va ad aggiungersi una corposa bibliografia integrativa, la biografia dell’autore e i contatti di quest’ultimo

GEMME DI GAIA GOLD SPONSOR A MISS EUROPE CONTINENTAL

Gemme di Gaia.pngGEMME DI GAIA GOLD SPONSOR A MISS EUROPE CONTINENTAL

Confermata la sponsorizzazione di Gemme di Gaia, la gioielleria di Bari che vanta un laboratorio artigianale specializzato nel creare gioielli su misura e su richiesta elaborati dalle mani del suo abile orefice e titolare Angelo Quaranta. La sua ambizione è quella di far conoscere al mondo, attraverso la piattaforma di Miss Europe Continental, l’artigianato Made in Italy al 100%. I suoi gioielli vengono creati forgiando il metallo interamente a mano, proprio come facevano i maestri orafi d’un tempo, allontanandosi completamente dai macchinari e dai computer di cui molti orafi attualmente si avvalgono. Ogni pezzo che esce dal suo laboratorio apparterrà ad una sola donna e ne garantisce l’unicità.

Qualità dei materiali uniti ad abilità e creatività da vendere, sono le doti che trasmette Angelo Quaranta nelle sue creazioni realizzate per le occasioni speciali. Da sempre realizzatore dei sogni di ogni singolo trasforma le naturali bellezze della natura in monili più unici che rari, irripetibili. Una grande passione per questo lavoro, ore ed ore per creare “il gioiello” atto a stupire le persone care con un segno indelebile nei momenti più speciali. Quale migliore occasione presentare il prodotto simbolo emblema del concorso europeo più rinomato? La creazione della corona.

Massimo Fiordiponti, si riconferma Sponsor tecnico di Miss Europe Continental

Fiordiponti2

MASSIMO FIORDIPONTI SPONSOR TECNICO MISS EUROPE CONTINENTAL

 

RICONFERMATA L’ECCELLENZA DELL’ALTA SARTORIA ITALIANA MASSIMO FIORDIPONTI che dopo la partecipazione all’edizione 2016, alla quale ha creduto fermamente, ha appurato di aver posto bene la sua fiducia, ritrovandosi in una macchina organizzativa al top, con persone professioniste e capaci nel proprio settore. “Miss Europe Continental è una grande e bella famiglia che fa conoscere la nostra cultura, arte e tradizione in tutta Europa, e viceversa. Ecco il motivo per il quale quest’anno bisso con maggior entusiasmo” così ha dichiarato il noto stilista il cui punto di forza è creare capi unici che mettano in risalto la bellezza, l’eleganza, la raffinatezza di ogni donna rilasciando qualche anticipazione “Mi auguro di continuare questa collaborazione con Miss Europe Continental, allargando il campo di conoscenza delle mie creazioni con tendenze per il 2017 di colori accesi per quanto riguarda la primavera estate, mantenendo comunque lo stile vacanze romane, periodo per la moda molto interessante, per i tagli e le proporzioni, per una donna elegante nelle varie fasi della giornata. Un ringraziamento particolare va a tutto lo staff e in particolar modo al patron Alberto Cerqua, che ha creduto e crede in me”.

Expo 2017 si conclude con successo!

Expo Danza finale.jpgOttima risposta, in termini di presenze, per la terza edizione di ExpoDanza 2017, sotto la direzione artistica di Ciro Venosa. Un migliaio di partecipanti arrivati da svariate parti d’Italia, tra Piemonte, Lombardia, Emilia Romagna, Toscana, Campania, Puglia, Sicilia ed, ovviamente Liguria (regione ospitante la manifestazione, ndr), Varazze, la località dove s’è svolta, è stata presa d’assalto dai rappresentanti dell’ambiente coreutico. Evento di danza rivelatosi il gran successo del Venosa, il quale ha constatato quanto l’edizione appena terminata sia stata testimonianza di un altissimo livello artistico, evidenziando la spiccata qualità sia di tecnica che di coreografia, ma anche di disciplina. «Da sottolineare un valore non indifferente del cast di giurati, a partire dall’étoile Grazia Galante, nostra madrina, insieme a: Stefano Forti, Lorella Formica, Alice Valentin, Olivier Lefrançois, Vincenzo Macario, Barbara Melica, Ciro Beffi, Annarita Larghi, Tony B, Francesca Frassinelli, Gaetano Porto, Oscar Serra, Bboy Gatsu, Bboy Ibra, Bboy Ema, Alessia Cianti», dice Venosa. E’ stato un fine settimana di danza a tutto tondo, con gli stage guidati da maestri competenti, concorso che ha messo in luce allievi di belle speranze e spettacoli con apprezzati artisti, tra questi Alice Valentin, Olivier Lefrançois e lo stesso Ciro Venosa protagonista di Bolero. In quest’ultimo caso però l’adrenalina del direttore artistico è stata tanta, visto che ha rivisitato personalmente il capolavoro di Maurice Bejart, contaminandolo con il Contemporaneo: «Ero molto emozionato, specialmente perché l’ho interpretato al cospetto dell’étoile Grazia Galante che lo ha ballato in tutto il mondo. Ho deciso di metterlo in scena in uno stile che in effetti mi rispecchia, è il mio e poi non dimentichiamo che Bejart è stato uno dei fautori della rivoluzione della danza», conclude l’artista campano di origini, ma ligure d’adozione.

Simona Tagli, personaggio tv, mamma e imprenditrice a tempo pieno del look e del benessere!

Simona Tagli 2.jpg

Un’icona della TV ma soprattutto una mamma e una imprenditrice . Simona Tagli ha dato vita alla Vispa Teresa nel centro di Milano, e donne e bimbi trovano la loro oasi .
La Vispa Teresa è un salone di bellezza, una garanzia di look, un nido di relax , una realtà del benessere e di un momento dedicato a madre e figlio .
E Simona non è solo la titolare , la testimonial, che ci mette la faccia  : lei lavora e opera , direttamente , alla Vispa Teresa  , a stretto e direttissimo contatto con la clientela e con le altre mamme e i loro bimbi .
Un’atmosfera famigliare , colorata e allo stesso tempo professionale fa della Vispa Teresa il posto da scegliere , per stare bene e non sbagliare .
Spesso in TV come opinionista , indimenticabile volto della TV più bella , Simona ha scoperto un nuovo talento e una inedita figura professionale con un unico comune denominatore : la bellezza !
La Vispa Teresa vi aspetta con Simona e con la certezza di farvi stare bene .

DStyle, un successo italiano mondiale!

d-style-new-york
Dstyle si conferma un grande successo italiano per un brand artigianale elegante e originale.

Domenico Auriemma, napoletano originario di Afragola, progetta, disegna, decora, realizza occhiali personalizzati e per tutti i gusti , e negli anni è diventato ottico dei vip .

I personaggi famosi lo amano e fanno la fila per indossare i suoi occhiali e accessori.

Ma il successo di Dstyle ha da tempo superato i confini dello Stivale , arrivando ad abbellire il volto di star internazionali dello show business, del cinema, della musica , delle serie TV più famose e popolari al mondo facendo del brand un prodotto italiano amatissimo anche all’estero.

Dstyle è approdato anche a Dubai e New York alle prestigiose fashion week , rappresentando con stile , glamour e orgoglio i colori italiani del vero prodotto Made in Italy.

Un successo inarrestabile per Dstyle, un esito mondiali felice quanto inaspettato .

E Domenico Auriemma non si ferma qui!

Nuovi progetti sono al vaglio e tante novità saranno presto annunciate: Dstyle non si ferma mai , sempre a passo coi tempi , con la moda e coi gusti del pubblico e dei vip .

” Quello che vedo” il progetto web sull’autismo presentato al ” Neapolisanit” di Ottaviano

Cast Quello Che VedoDI GIUSEPPE COSSENTINO

Vincenzo Catapano, insieme all’attore e regista Maurizio Casagrande e agli altri autori e  parte del cast, ha presentato, presso il centro di riabilitazione “NEAPOLISANIT” di Ottaviano, la premiere della web serie “ QUELLO CHE VEDO”, in occasione della Giornata Mondiale della consapevolezza sull’autismo, una serie che lo vede nella doppia veste di autore – sceneggiatore e attore protagonista.

“Quello che Vedo” è un progetto sociale di web serie che nasce da un’idea di tra amici- colleghi attori, Vincenzo Catapano, Laura Pepe e Maia Salvato, con l’obiettivo di far conoscere e diffondere uno tra i disturbi neurologici più invalidanti ma di cui purtroppo si parla ancora poco: L’autismo.

La regia è impreziosita e firmata da Maurizio Casagrande. Nel cast anche l’attore Fabio Fulco, nel ruolo di Carlo.

“Quello che vedo” racconta la storia di Filippo Balestrieri, ragazzo autistico di 25 anni, di suo padre Carlo ( Fabio Fulco) e del suo fratellino Mirko. A scuola la maestra assegna un compito a Mirko, il cui titolo è proprio “Quello che vedo” e da lì partirà attraverso immagini e flashback, il racconto della quotidianità della famiglia Balestrieri, di una quotidianità che a Mirko, nonostante tutto, piace così com’ è, anche perchè non riuscirebbe ad immaginarne un’ altra differente. La storia di Filippo fa da sfondo ad uno scenario di diversità ed ambiguità che solo apparentemente appartengono a lui ma che di fatto appartengono ad ognuno di noi.

Con la storia dell’ autismo di Filippo si intrecciano storie di diversità e difficoltà di integrazione. Attraverso il tema di Mirko si scopre un microcosmo di personaggi che popolano la sua vita. Luoghi comuni e pregiudizi, sono raccontati dai personaggi di Mimma (Anna Spagnuolo) e Caterina (Susy Del Giudice), rispettivamente portiera del condominio dove abitano i Balestrieri e la cuoca del locale di Carlo. Loro sono la story – liner comedy della serie, spettegolano su tutti sotto gli occhi divertiti di Mirko e Marta, che a causa delle assenze dei genitori passano troppo tempo in portineria.

“ Quello che vedo” è un manifesto monumentale di amore, di quotidianità e di diversità, articolato in sei episodi che tra commedia e dramma, non manca nel dare messaggi sociali e spunti di grande riflessione.

Maurizio Casagrande si è avvalso di un nutrito cast di attori prevalentemente napoletani: Fabio Fulco, Anna Spagnuolo, Mimmo Esposito, Vincenzo Catapano, Susy Del Giudice, Caterina Gramaglia, Tiziana De Giacomo, Igor Petrotto, Salvatore Catanese, Maria Teresa Amato, e i piccoli Antonio D’ Amora e Lucia Manfuso.

La web serie sta girando per le scuole, per incoraggiare gli studenti e creare argomenti discussione su questa tematica sociale, aiutandoli a vedere la problematica attraverso altri occhi,   demolendo miti comuni sulle persone autistiche.

Promozione e Consulenza Web Giuseppe Cossentino  ufficio stampa Massmedia Comunicazione di Sante Cossentino

 

http://www.quellochevedo.com/

 

https://www.facebook.com/Quello-che-Vedo-La-Serie-Web-1248752825152092/?fref=ts