Archivio dell'autore: italyintheworldredazione

Pietro Del Vaglio, l’interior design di fama internazionale uno strepitoso anno di successi e progetti

Pietro Del Vaglio
Un’annata fantastica per Pietro Del Vaglio .
L’interior designer di fama mondiale e’ stato premiato a Eccellenze Reali lo scorso dicembre per poi presenziare questa estate come premiatore nell’edizione caprese .
Insomma riconoscimenti in eventi davvero top dalla grossa attenzione mediatica per quello che e’ stato definito il poeta dell’abitare .
Tra Monte di Procida e Firenze , il campano Del Vaglio ha concepito numerosi progetti internazionali che hanno fatto lievitare i suoi impegni e i viaggi all ‘estero .
Il prestigioso mensile di settore AD gli ha dedicato a giugno la copertina per una splendida dimora a Chiaia nel cuore di Napoli con un ampio reportage fotografico.
Una vera eccellenza quella rappresentata da Pietro Del Vaglio , con il suo lavoro tutto italiano ma patrimonio di creatività riconosciuta ben oltre i confini .
E tra i futuri progetti anche un libro .
Del Vaglio e’ davvero inarrestabile .

TIROMANCINO, indossa l’occhiale D-STYLE in collaborazione con la DEBORA SCALZO COLLECTION

TIROMANCINO

Continua la collaborazione di successo tra l’azienda leader di ottica di livello internazionale, D- Style di Domenico Auriemma e Debora Scalzo e porta a nuovi risultati sorprendenti. Ancora super vip indossano l’acclamato occhiale italiano D-Style ed infatti ora tocca al famoso cantante, poeta della musica italiana TIROMANCINO che nella prossima sua nuova tournè di concerti indosserà gli occhiali luxury personalizzati. D-Style con le sue continue sinergie e collaborazioni di qualità continua a sorprenderci e si conferma l’occhiale vip d’eccellenza.

LEGEA, partner di Miss Europe Continental 2019

URAGANO

LEGEA, ecco il partner di Miss Europe Continental 2019, le scintillanti e famose Olimpiadi della Bellezza di Alberto Cerqua.

 

LEGEA E’ CONSIDERATA LEADER NEL SETTORE DI ABBIGLIAMENTO
SPORTIVO: QUALI SONO LE SPECIFICHE CHE LA RENDONO UNICA NEL SUO
GENERE? Possiamo senza dubbio dire che il principale elemento di unicità del nostro
brand è la capacità di puntare sull’innovazione, il creare nuove collezioni che siano
originali, sempre al passo con i tempi e con le mode del momento ed allo stesso tempo il
garantire prezzi molto competitivi pur mantenendo alta la qualità, visto che puntiamo
sempre sul made in Italy

 COME E’ NATA, QUAL E’ LA STORIA DELL’ AZIENDA? LEGEA LEGEA nasce
all’inizio degli anni novanta producendo prevalentemente abbigliamento ed accessori per il
calcio, ma qualche anno dopo, visti gli ottimi riscontri, decide di ampliare il proprio campo
di attività producendo anche materiale tecnico per basket, volley, atletica e fitness. Il punto
di svolta è la sponsorizzazione del Napoli calcio nella stagione 2003/2004: grazie a tale
accordo l’azienda assume un’importanza internazionale iniziando a distribuire i propri
prodotti nei 5 continenti. È necessario aggiungere che LEGEA è stato l’unico marchio
italiano a vestire una nazionale di calcio in occasione dei mondiali di calcio del 2010
disputati in Sudafrica ( la nazionale della Corea del Nord) e l’unico marchio a sponsorizzare
ben quattro squadra di serie A nel corso della stagione 2006/2007. A partire dal prossimo
mese di luglio LEGEA sarà sponsor tecnico e fornitore ufficiale dell’AIA (l’associazione
Italiana Arbitri) vestendo tutti gli arbitri Italiani dalla serie A fino a tutte le categorie
minori) Attualmente la nostra azienda produce non solo materiale tecnico ma anche una
sofisticata ed innovativa linea fashion/fitness che ha grandissimo appeal soprattutto tra i
teenager e le donne
 LEGEA VALORIZZA LE DONNE SCEGLIENDO UN CONNUBIO VINCENTE
CON MISS EUROPE CONTINENTAL, COME NASCE TALE
PARTNERSHIP? Questa partnership nasce proprio in virtù del fatto che
LEGEA negli ultimi anni ha sviluppato una linea fashion fitness dedicata in
particolare alle donne ed aveva bisogno di associare il proprio brand ad un
concorso di bellezza di primaria importanza come Miss Europe Continental. Il
connubio è stato da subito vincente la partnership si è rafforzata nel corso
degli anni ed ha visto le due parti crescere insieme ottenendo notevoli
successi
 QUALI SONO I PROCESSI PRODUTTIVI DEI VOSTRI CAPI? I processi
produttivi sono sostanzialmente simili a quelli della aziende di abbigliamento
di primo livello: si parte dall’ideazione grafica dei modelli fatta esclusivamente

da stilisti che fanno parte della nostra azienda, alla scelta dei tessuti migliori
fino alla realizzazione dei campioni pre-produzione; solo una volte che i
campioni hanno superato severissimi test si procede alla produzione
definitiva. Come se non bastasse prima di immettere gli articoli sul mercato,
vengo effettuati altri severissimi controlli

 QUAL E’ IL MESSAGGIO FONDAMENTALE DEL BREND LEGEA? LEGEA
significa essere sempre in movimento, essere pronti a mettersi sempre in
gioco, essere attivi e giovani, non a caso il nostro motto è “Keep running with
us!…..
 QUAL E’ LA MISSION AZIENDALE?come marchio sportivo puntiamo ad ed
essere una fonte di ispirazione non solo per gli atleti professionisti, ma per
tutti coloro che vogliono fare sport anche a livello amatoriale
accompagnandoli nel loro percorso, perché siamo convinti che in ogni
persona ci sia un potenziale campione che i nostri capi possono aiutare ad
emergere ed affermarsi

 QUALE ELEMENTO ESCLUSIVO VI DIFFERENZIA DALLA
CONCORRENZA? Ciò che ci differenzia sostanzialmente dagli altri brand è il
puntare sempre sullo stile made in Italy ed il mantenere un perfetto rapporto
tra la qualità e prezzo, cosa che nessun altro marchio sportivo è in grado di
garantire
 QUALI SONO I CAPI DI ABBIGLIAMENTO SPORTIVO PIU’ RICHIESTI?
Tutti i nostri capi sono molto richiesti, ma tra questi in particolare gli articoli e
gli accessori per il calcio e la linea fashion sta avendo un successo
incredibile!
 QUALI SONO I PIANI PER IL FUTURO? AVETE QUALCHE ASPETTATIVA
DA RIVELARCI? è forse banale dirlo ma il nostro progetto è il continuare a
crescere e il lavorare con realtà importanti come Miss Europe Continental ci
sta aiutando davvero tanto. L’accordo bomba rimane comunque quello che ci
permetterà di vestire gli arbitri italiani a partire dal prossimo mese di luglio e il
cui impatto mediatico sarà sicuramente fortissimo!
 I SOCIAL MEDIA HANNO AVUTO UN FORTE IMPATTO SUL MONDO
DELLA MODA E SU COME COMUNICARE UN BRAND, COME SI

CONFRONTA LA VOSTRA AZIENDA CON TUTTO QUESTO? E QUAL E’ IL
RAPPORTO AZIENDALE CON I SOCIAL MEDIA? E’ ben evidente che i
social media stanno ormai definitivamente soppiantando i media tradizionali
come ad esempio la televisione, soprattutto tra i teenager, e LEGEA si è
subito messa al passo con i tempi. All’interno della nostra azienda ci sono
apposite figure che si occupano proprio dell’implemento dei social media
 LEGEA SI STA CONQUISTANDO UN RUOLO IN PRIMO PIANO NEL
MONDO FASHION: QUALI SONO LE CARATTERISTICHE CHE LA
RENDONO UNICA NEL SUO GENERE? Come evidenziato anche sopra
anche nello sviluppo della linea fashion abbiamo dimostrato ancora una volta
la capacità di essere al passo con i tempi e di saper creare linee che facciano
tendenza con tessuti innovativi adeguati a sportivi e non
 SPOSTANDOCI INVECE SULLE ATTIVITA’ DI MARKETING, COME
AVVIENE L’IDEAZIONE E LA REALIZZAZIONE DELLE CAMPAGNE
PUBBLICITARIE? Le campagne pubblicitarie possono essere realizzate
internamente o esternamente alla nostra azienda a seconda delle esigenze,
delle caratteristiche della campagna da sviluppare e del segmento che si
vuole colpire. Di sicuro prestiamo sempre la massima cura a tutti i progetti
che sviluppiamo

Claudio Bondatti, grande prova d’attore nel corto ” Il mistero di Kyra” L’intervista di Italyintheworld

61454990_385341135657664_8521861812784726016_n

  di Giuseppe Cossentino

Occhi verdi, sguardo profondo, dall’animo gentile e di una sensibilità unica. Vicino alle fasce deboli, si è attivato più volte per aiutare chi ne ha più bisogno. Con passione della musica inizia a fare il dj da adolescente, ma da lì a poco le passerelle lo vedono sfilare per atelier importanti e il teatro lo attende per aprirgli il mondo dello spettacolo e della recitazione.
Partecipando alla passione vivente nella sua città, Ferentino, in provincia di Frosinone, rappresentando la figura di Gesù Cristo, capisce che il teatro, la televisione, il cinema sono il suo mondo. Soddisfazioni continuano ad arrivare nel 2013 quando si aggiudica tre importanti fasce al concorso di bellezza “Mister belli d’Italia”: Mister Spettacolo, Mister Cinema e soprattutto Mister Bello D’Italia Lazio. Ha partecipato a spot pubblicitari. La svolta arriva nel 2014 quando è stato chiamato per fare il provino della fiction di successo “L’onore e il rispetto 4”. Ha subito ottenuto un ruolo da poliziotto. Il suo personaggio è riconfermato anche nella serie “L’onore e il rispetto 5 – ultimo Capitolo- come agente scelto di Daria Baykalova (Bertolaso) recitando anche con Lisa Gastoni e con attori di fama nazionale e internazionale. Sarà anche nella fiction “Il bello delle donne… alcuni anni dopo”. Bondatti ha indossato anche le vesti di un primario nella fiction “Non è stato mio figlio” sempre alla corte di Gabriel Garko.
Il suo animo sensibile lo porta ad essere anche il protagonista di un cortometraggio in cui viene trattata la diversità a 360 gradi, insieme al tema della comunicazione telepatica.
Tra i suoi ultimi impegni, infatti, il ruolo nel cast del cortometraggio “Il mistero di Kyra”. Corto che sarà presentato al Film festival a Matera, a Torino e sarà candidato al premio “Remigio Paone”. E dell’ultimo lavoro ne abbiamo parlato proprio con l’attore Claudio Bondatti.
Sei il protagonista del corto Il mistero di Kyra cosa racconta questo lavoro cinematografico?
“Si tratta di un cortometraggio scritto da Claudio Lucarelli e Maria Berardi in cui si affronta il tema della comunicazione telepatica, un terreno poco esplorato di per sé, ma lo è ancora meno quando si tratta di animali. Il sottile filo che unisce e amalgama la storia è l’amore verso la vita, l’amore come solidarietà, amicizia e l’amore puro. Malattia psichica e fisica, guarigione fisica e psichica si intersecano come in un arabesque multicolore, in cui lo spettatore viene quasi incatenato alla poltrona”.

Il corto racconta un dramma come ti se approcciato a questo ruolo?
“Il corto racconta il dramma di un professore costretto a stare su una sedia a rotelle a seguito di un incidente stradale. Ma l’arrivo inaspettato di un amico a 4 zampe cambierà la sua quotidianità”.

Claudio Corto sedia 2

Claudio Bondatti, in una scena del cortometraggio Credit foto ufficio stampa

Obbiettivi del progetto?
“Il progetto punta a trasmettere i valori della solidarietà, del rispetto del prossimo, dell’amore per gli animali. A non guardare con gli occhi dell’indifferenza o ad avere sentimenti di pietà verso le persone diversamente abili. E di amare gli animali, spesso abbandonati. Sono, invece, loro la vera ‘cura’ per essere felici, per non sentirsi soli. Non parlano ma hanno riescono a trasmettere positività rispetto a molte più persone che possiamo incontrare nel nostro cammino”.
Tu sei un attore che spazia dal teatro, alla tv e adesso anche il cinema. In quale forma d’arte ti senti più a tuo agio?
“Mi sento libero di esprimermi in tutte le forme d’arte, ma quella in cui mi sento piu a mio agio sicuramente quella teatrale. In quel momento anche se attorno ci sono tante persone, sembra di essere soli, ti concentri nella parte e tutti quelli che ti sono attorno scompaiono nella tua mente. Invece sono lì ed è come se fossimo un insieme di emozioni”.

61307202_297750781107553_3542737966340243456_n
Hai lavorato con l’Ares Film su set importanti come “L’Onore e Rispetto” e “Non è stato mio figlio”. Che ricordo hai del bravo sceneggiatore Teodosio Losito scomparso qualche tempo fa?
“La notizia della sua scomparsa mi ha lasciato un grande vuoto. Perché abbiamo perso un grande sceneggiatore e per me era anche un amico straordinario. Un grande professionista che è riuscito a fare dei capolavori che rimarranno per sempre nella storia del cinema”.
Tre aggettivi per definiti?
“Sensibile, semplice e testardo”.
Forse la mia famiglia e i miei amici aggiungerebbero anche un po’ permaloso”.
Hai partecipato anche alla fiction “Il Bello delle donne alcuni anni dopo”.
Come ti sei trovato a lavorare con un cast tutto al femminile e star come Manuela Arcuri, Giuliana De Sio e un’emblema del cinema nel mondo come Claudia Cardinale?
“Ovviamente è stato un onore per me. Tanta bellezza, ma soprattutto tanta professionalità, ogni attrice con un proprio percorso artistico di spessore, interpreti che non hanno nulla da invidiare ad artiste straniere”.
Prossimi progetti?
Ce ne sono diversi ma li rivelerò prossimamente. Intanto posso anticiparvi che sto finendo di scrivere la trama di un film sul sociale. Con il mio agente e con il casting director stiamo decidendo la location, sicuramente una delle migliori sarà Matera. Mi sarebbe piaciuto girarlo nella città in cui sono nato, Ferentino, ma per motivi burocratici, sono costretto a scegliere altre realtà italiane. E non sarà meno la scelta degli attori di fama nazionale.

Kristian Cellini, Marco Zurzolo e Michele Santeramo, tre preziosità artistiche alla corte di spettacoli suggestivi

Napoli, spettacoli suggestivi. Tre preziosità artistiche: Kristian Cellini, Marco Zurzolo e Michele Santeramo

60859839_405852733337142_1198879772092923904_n(1).jpg

Save the dates: 4, 12, 16 giugno. Ricorrenze da tenere in gran considerazione, se vi piacciono gli spettacoli suggestivi. In questi giorni Kristian Cellini ha in serbo tre preziosità artistiche, concepite grazie ad una altrettanto pregevole sinergia tra la sua operosità e quella di Marco Zurzolo e Michele Santeramo, rispettivamente attivi in: regia e coreografia, musiche, testi. Da apripista la serata del 4, quando a Peccioli nel caratteristico cinema Passerotti, Santeramo, accompagnato dalle note di Zurzolo, leggerà alcuni testi da lui scritti, mostrati inoltre con momenti di danza curati appunto da Kristian Cellini che, ancora nel ruolo di regista coreografo, porterà il 12 giugno a Pontedera un lavoro molto impegnativo.

Vedremo trasportare in danza un racconto di Michele Santeramo incentrato su sette punti salienti, pertanto verrà coreografata, dal primo al settimo quadro, la storia narrante un amore vissuto da due giovanissimi, Anna e Marco, messi però a dura prova da un destino fin troppo severo. I ballerini illustreranno, sempre sulle musiche originali di Marco Zurzolo, non solo l’amore, la passione, ma soprattutto la generosità di una ragazza nei confronti del suo amato al quale, pur di non legarlo ad un’enorme responsabilità, dona la libertà di vivere spensieratamente la propria gioventù. E lo fa nella maniera più straziante: affinché possa staccarsi da lei, gli mente confessando un tradimento. Purtroppo, così non è; non si è innamorata di nessun altro, è malata. Marco questo non lo sa e le crede quando gli dice che non lo ama, intanto un colpo di scena cambierà i piani di Anna.

Una serata in cui, attraverso i quadri del magnifico trio, non mancheranno di certo attimi ricchi di pura emozione. L’ingresso musicale di Zurzolo, la voce del racconto di Santeramo e l’interpretazione danzante firmata Kristian Cellini assumeranno il compito di trasmetterli al pubblico. Chiaro quindi come le opere di Cellini sono destinate a lasciare un segno indelebile. Lo si è accertato pure alla recente edizione del premio Mab, lì in veste di coreografo ospite è stato apprezzato con “Terra aria”, creazione in neoclassico-contemporaneo. Tornando agli appuntamenti di giugno, invece, il 16 nella singolare, quanto meravigliosa, location della discarica di Peccioli, nell’ambito del Festivaldera per la direzione artistica dell’attore Marco D’Amore, con la regia di Lino Musella, Kristian supporterà il monologo di Luca Zingaretti, come coordinatore dei movimenti scenici.

Photo di Luca Passerotti

Pietro Del Vaglio, l’interior designer di fama mondiale:” Le nuove tendenze vedono protagonista la natura”

Pietro Del Vaglio 3
Pietro Del Vaglio, interior designer di fama mondiale, ha le idee chiare sulle nuove direzioni dell’arredo d’interno e da grande esperto e poeta della sua professione, ne parla con passione e entusiasmo.
Pietro, quali sono le nuove tendenze ?
La Protagonista  è la natura , che da sempre io osservo in maniera quasi ossessiva,  a partire dall’utilizzo del legno per gli arredi ai colori che richiamano i quattro elementi naturali declinati in tutte le sfumature della palette cromatica.
Ci sono novità in fatto di cromia?
Notiamo il Grande ritorno del metallo giallo( ottone) nelle versioni oro, lucido e satinato che da sempre restituisce oltre a tocchi di luce un segno elegante agli ambienti.
Innovazioni e modernità influenzano i tuoi progetti?
Io ritengo che ciò che creo sia la sintesi di quanto mi circonda. Va un po’ al di la delle mode, è più intrisa di suggestioni, forme colori e culture diverse che incontro ed osservo nei miei innumerevoli viaggi.La caratteristica principale dei miei progetti ha una regola base: il contesto paesaggistico e culturale nel quale vado ad intervenire e chiaramente il bisogno sia estetico che funzionale del committente.
In che modo sei riuscito ad affermarti anche fuori dai confini nazionali?
La proiezione all’estero di una carriera avviene quando la cifra stilistica che si usa è la somma di più culture, all’interno del quale più committenti di paesi diversi riescono a riconoscerla propria.il vero segreto è la serietà professionale, che significa non deludere mai le aspettative del committente anzi superarle.

DStyle, il brand di occhiali luxury italiani firmati da Domenico Auriemma continua a sorprendere a Dubai , all’Arab Fashion Week

Domenico Auriemma
Sempre più internazionale Dstyle . Sempre più top luxury e di respiro mondiale l’ottico dei vip . Il brand di Domenico Auriemma ancora a Dubai , per la Arab fashion week e non solo .
E’ stato inaugurato  un nuovo multistore che si chiama 1422 Dubai, a  city walk. <<sarà il mio secondo punto vendita a Dubai oltre a quello che già avevo >> racconta Auriemma con orgoglio e soddisfazione . A Dubai c’è veramente chi conta .
E’ l’ottava edizione della Arab fashion week a cui Domenico Auriemma partecipe con Dstyle . I suoi occhiali , originali , eleganti , ricercati , sono sempre più popolari e forti sul mercato internazionale .
Un lavoro artigianale fatto di grandi particolari , materiali pregiati e impegno certosino , Dstyle continua a non sbagliare un colpo e nuove GRANDI novità sono in Arrivo.

NAPOLI -AL TEATRO ACACIA SERATA SPETTACOLO PER ” LA MIA VITA A 300 ALL’ORA”, IL LIBRO DI PASQUALE MELE

PHOTO-2019-04-19-08-11-33Giovedì 9 maggio 2019 alle ore 20,30 presso il Teatro Acacia al Vomero ci sarà la serata spettacolo per la presentazione del libro ”LA MIA VITA A 300 ALL’ORA” di Pasquale Mele. Presenterà “Angelo Di Gennaro” ed interverranno tanti artisti. L’invito è esteso a tutti e l’ingresso è GRATUITO .

CONTINUA IL GRANDE SUCCESSO DI SIAMO TUTTI FELICE, DI SALVATORE GISONNA CHE APPRODA AL TEATRO SUMMARTE DI SOMMA VESUVIANA

 

SIAMO TUTTI FELICETutti a Teatro con Siamo tutti …Felice
>
> Arriva anche a Somma Vesuviana al Summarte , SIAMO TUTTI…FELICE di Salvatore Gisonna, che cura anche la regia di questo divertentissimo spettacolo ed è uno dei protagonisti. Ad interpretarlo con lui, ci sono Ciro Esposito e Fabiano Balsamo. La commedia in due atti è assolutamente brillante. Dalla penna di Salvatore Gisonna, dai consigli dell’amico Giuseppe De Rosa e dalla collaborazione ai testi di Massimo Peluso e Ciro Esposito, Nasce la commedia in due atti: “Siamo tutti…Felice”.
> È la storia di tre fratelli, Felice, Gigi ed Enzo Aria, che dopo la morte del padre vivono sotto lo stesso tetto.
> Si sa , la convivenza è sempre complicata, soprattutto tra fratelli, ma quando questi fratelli sono Salvatore Gisonna, Fabio Balsamo e Ciro Esposito, allora oltre ad essere complicata può essere anche molto divertente.
> Felice, (Gisonna) è il motore economico della famiglia grazie all’eredità da gestire lasciatagli dal padre, e di conseguenza carnefice degli altri 2.
> Gigi, (Balsamo) invece è un agente immobiliare dalle scarse propensioni alla vendita, mentre Enzo (Esposito) è un cantante neomelodico dalle belle speranze e in attesa di pubblicare il suo primo cd.
> Il destino però riserverà loro una bella sorpresa che sconvolgerà la loro monotona vita familiare e…
> Bhe per sapere il resto venite a teatro e non ve ne pentirete!!
> Nella commedia ci sarà la prestigiosa presenza in video a titolo amichevole delle seguenti guest:
Gigi D’Alessio, Biagio Izzo, Peppe Iodice, Miriam Candurro. L’appuntamento è per il 3 maggio, uno spettacolo tutto da ridere , assolutamente da non perdere

Danilo Brugia, dalla grande fiction torna in teatro con il musical ” L’ASCENSORE”

Danilo Brugia 2
Uno dei volti più popolari della fiction approda ancora a teatro, stavolta col musical L’Ascensore, in tournèe in molti teatri italiani, con la produzione del giovane bravo Giuseppe Di Falco: è Danilo Brugia. <<E’ un thriller sentimentale, tutto da scoprire,  il mio ruolo è quello di John,  è un medico, e siamo in tre sul palco con  Elena Mancuso e  Luca Giacomelli Ferrarini.  Il mio personaggio è dedito al Gioco d’azzardo, una vera malattia, che determinerà una serie di situazioni e grande suspance sul palco>> racconta l’attore.
Locandina L'Ascensore ultima
 <<Mi diverte molto, perchè finalmente faccio un ruolo di un uomo  un po’ sinistro, un po’ torbido, nasconde molte cose alla moglie, alla ricerca di soluzioni estreme. Insomma, i colpi di scena non mancheranno>> spiega Brugia.
L’Ascensore – il musical è uno spettacolo di stampo Off Broadway, un thriller sentimentale davvero gustoso: col debutto di Firenze, tocca poi le città di Roma, Trevi, Spello, Milano, Torino e altre ancora.