Archivi categoria: Anime

Il mito Lady Oscar, anime cult anni 80, rivive con la cosplay Rosi Dotti

Lady Oscar

Articolo a cura di Francesco Sorge

Alzi la mano chi non conosce Lady Oscar la celebre eroina protagonista di una serie animata che dal 1982 ad oggi continua ad appassionare milioni di telespettatori con le sue gesta ambientate durante gli anni della Rivoluzione Francese. Un personaggio che è entrato a pieno diritto tra i capolavori dell’animazione giapponese e nei cuore di tutti quelli che hanno seguito le appassionate vicende delle “Rose di Versailles” (è questa la traduzione del titolo “Versailles no Bara”).

Rosi Dotti da Como, in arte Lady Kurimi, è una di quelle ragazze che cresciuta a “pane e Bim bum bam” durante gli anni ’80 ha deciso di far rivivere il mito della sua eroina attraverso una serie di scatti ambientati in reggie, giardini e luoghi che ricordano la Parigi prerivoluzionaria.
Cosplayer per passione, Rosi si cala nei panni o meglio nelle uniformi della bionda Oscar Francois de Jarjayes, confezionando abiti e accessori fedeli a quelli visti in tv.
Grazie ad un team di amici fotografi (Marco Elli, Matteo Pistacchio Tedeschi, Tiziano Gorini, Giuseppe Robertiello, Gianluca Bia, Flavio Zordan, Linda Vanni, Elisabetta Urdis) realizza scatti eleganti e ricercati che vengono digitalmente rielaborati da Aqua Englantine per rendere l’atmosfera ancor più simile a quella dell’anime.
Lady Oscar è un personaggio amato da molti perché portatrice di ideali di onestà e fedeltà.
Vestendo sempre uniformi maschili è costretta, per abbracciare la carriera militare fortemente voluta dal padre, a celare continuamente la sua identità femminile. Il personaggio racchiude in se un’ambivalenza involontaria suscitando in tutti noi un fascino ed una tenerezza per la sua condizione di vita.
Rosi va in giro per l’Italia partecipando a mostre, fiere e balli in maschera, una maniera per conoscere e comunicare con gente sempre nuova.
“Nell’arco di quattro anni ho creato ben 13 versioni differenti di Lady Oscar rinnovando i costumi di tanto in tanto, ho avuto anche modo di conoscere le due interpreti delle sigle italiane, Clara Serina dei Cavalieri del Re e Cristina D’Avena. Mi piacerebbe incontrare Riyoko Ikeda, colei che nei lontani anni ’70 ha ideato e disegnato la storia di Lady Oscar in Giappone sotto forma d manga”.Lady Oscar 2
Non mancano le soddisfazioni e i riconoscimentitanto che all’ultimo concorso cui ha preso parte, quello fotografico online indetto da Cusplay Pisa è arrivata fra i tre vincitori della categoria “E’uguale” con un cosplay dedicato proprio a Lady Oscar, mentre nell’edizione precedente ha vinto nella categoria “Miglior personaggio film” con Elle Drive di Kill Bill.
“Sono contenta quando il mio lavoro viene apprezzato ma ancor di più quando riesco a regalare un sorriso o un momento di nostalgia in chi mi guarda. Molte persone mi chiedono di farsi fotografare con me non solo per curiosità ma molto spesso per amore nei confronti verso il personaggio che interpreto. Ho visto gente divertirsi ed emozionarsi e questo è la cosa che amo di più nel fare cosplay.”
Un modo per continuare a sognare coltivando una passione nata in tenera età e portata avanti nel tempo con lo stesso spirito infantile e, come ci ricorda Cristina D’Avena “…dovrai riuscire sai, a non cambiare, non cambiare mai”.

Annunci