Archivi categoria: PERSONAGGI

Il pizzaiolo Luca Piscopo e ” ANEMA & PIZZA”, un sogno realizzato!

Luca Piscopo 3Luca Piscopo inizia la sua carriera nel 1997 a soli 13 anni in una pizzeria nella quale lavorava come porta pizza.

Suo cugino Ciro maestro pizzaiolo da quarta generazione,   gli ha dato molti consigli sull’arte della pizza.

Le sue prime pizze le ha realizzate facendole assaggiare ai suoi colleghi di lavoro. Un giorno il suo Maestro gli chiese di aiutarlo nel suo sogno più grande ovvero quello di aprire la sua pizzeria. Dopo 5 anni di duro lavoro decise di realizzare il suo sogno nel cassetto, aprire la fantomatica pizzeria.

Dopo anni di esperienza quel sogno diventa realtà e le pizze iniziarono ad uscire dal forno sempre più buone, grazie alla scelta e la selezione di prodotti genuini e di farina d’ eccellenza, il tutto condito con la voglia di migliorarsi sempre. Quello di Luca Piscopo rappresenta un cammino ancora in continua evoluzione,un percorso di formazione che lo ha portato a vivere esperienze uniche. Una storia dal gusto indimenticabile che non sarebbe mai stata scritta senza il sostegno di sua madre, suo padre e sua moglie Carla che gli sono stati sempre vicini ed hanno creduto in lui. Il sapore familiare, la dedizione e la continua voglia di migliorarsi hanno reso le sue pizze uniche.

Un grazie Luca lo rende ai numerosi clienti che hanno reso tutto ciò possibile.” Anema e Pizza” è una piccola realtà della sua Frattamaggiore ed è diventata grande nonostante pochi metri quadri. In ne Luca ringrazia tutti coloro che si appassioneranno alla sua storia, quella di un giovane scugnizzo cresciuto nei vicoli di Napoli, uno scugnizzo che ha trovato la forza di trasformare un lavoro in un sogno da raccontare.

Una pizza unica quella di “ Anema e Pizza” che unisce tradizione e passione, e tanto cuore quello di Luca Piscopo e dei suoi validi collaboratori, che rendono la sua pizza davvero unica e decisamente da assaggiare, eccellenza del territorio campano!

Annunci

Salvatore Lioniello, il noto pizzaiolo di Napoli porta la sua pizza nel cuore del Giappone

Salvatore Lioniello in Giappone 4Un’esperienza unica, quella culinaria giapponese, un vero e proprio viaggio nel gusto. Vero Cicerone di questo viaggio è Salvatore Lioniello, giovane e noto pizzaiolo che a soli 29 anni vanta un palmares di premi e riconoscimenti, tra cui miglior pizzaiolo di Napoli nel 2016.

Salvatore si trova immediatamente nel suo habitat naturale, dietro il bancone non in senso metaforico ma con le mani in pasta, e da subito dimostra la sua innata e ormai comprovata bravura, parla con la sua grande competenza nel settore e rivela anche dei segreti del mestiere. Studio, disciplina e umiltà caratterizzano il percorso formativo di Salvatore che conquista l’intera classe che ascolta e cerca di carpire più informazioni possibili e segreti di questo grande colosso della nostra pizza napoletana che continua ad aver grandi consensi anche nel mondo. E non manca Salvatore in questo grandioso Giappotour durante un altro seminario a parlare della sua ed unica “ Diversamente napoletana”, un impasto totalmente diverso da quello tradizionale, ha spiegato infatti la tecnica detta del preimpasto, un impasto indiretto che viene lavorato ben due volte, nella prima fase non viene aggiunto il sale e nella seconda viene aggiunto il sale, altra percentuale di farina e il restante dell’acqua per ottenere digeribilità, fragranza, croccantezza e nello stesso tempo scioglievolezza del cornicione nonostante sia abbastanza alto. Un impasto che richiede ben 36 ore di fermentazione e che si lavora nei minimi dettagli .Salvatore Lioniello in Giappone 3

Salvatore Lioniello sottolinea entusiasta: “ E’ stato davvero un tour strepitoso, in otto città giapponesi insieme ai partner San Felice, e Food Napoli di Luigi Gallo come video maker. Prima tappa è stata Tokyo per 2 giorni dove abbiamo fatto un seminario in showkooking sia sulla preparazione degli ingredienti e soprattutto anche degli impasti più evoluti al di fuori della tradizionale STG. Siamo andati a Kanazawa poi a Fukuka, Osaka, Hiroshima. È stato un tour di 12 locali, 140 giapponesi dove è stata una bellissima esperienza, mi sono divertito tantissimo e soprattutto mi hanno trattato come se fosse venuto Maradona a Napoli ed è stata una delle cose piú gratificanti, un’esperienza davvero indimenticabile”.

Paco De Rosa: ” Sogno di essere diretto dal Premio Oscar Paolo Sorrentino”

Paco De Rosa AttorePaco De Rosa, attore comico napoletano, appena trentenne vanta già un folto curriculum artistico di una certa importanza.

Di strada ne ha battuta, Paco De Rosa, e va bene. Il ruolo che lo vede protagonista non è ancora arrivato ma da subito è stato apprezzato dalle case di produzione: ha partecipazione a ben dieci film, primo tra tutti Fortàpasc,  pluripremiato al David di Donatello, Globo d’Oro giusto per intenderci.

«Gianfranco Gallo è indubbiamente l’artista che mi ha indirizzato verso il cinema di spessore. In Fortapàsc interpreto un ruolo tanto marginale quanto determinante: l’assassino di Giancarlo Siani. Una scena che vale tutto il film. Dopo questa prima e fondamentale esperienza cinematografica, per un periodo ho proseguito verso questa direzione, partecipando al film All’improvviso un uomo, una storia molto forte, diretta magistralmente dal grande Claudio Insegno. Un grande regista e un carissimo amico». Intanto, ha firmato il suo primo contratto con la Medusa film e sogna di vincere il David di Donatello.

Paco De Rosa 2Cosa pensi della cultura e bellezza italiana?

Sono patrimonio dell’intera umanità ed è grazie a questi elementi che oggi faccio questo mestiere. La bellezza e la cultura mi hanno ispirato prima e continuano a farlo ogni giorno. Purtroppo, non sempre noi italiani ci rendiamo conto della grandezza del nostro Paese, e lo mortifichiamo senza ragione….ma sono molto fiducioso per il futuro!

Hai lavorato accanto a grandi artisti della scena nazionale come Massimiliano Gallo, Biagio Izzo, Gianluca Di Gennaro, Andrea Roncato, Enzo Salvi, Milena Miconi, com’è lavorare con loro?

Straordinario e fondamentale, sia umanamente che artisticamente. Parliamo di persone capaci di riempirti la giornata e sempre pronte a darti consigli utili sul mestiere. Un grande artista si vede dalle piccole cose, e anche dal suo spessore umano. Hai citato tutti grandi artisti!

Quanto è importante per te esportare la cultura e l’arte made in italy nel mondo?

Fondamentale, come per ogni attore che si rispetti. Il nostro BRAND (Made in Italy) è l’essenza del nostro mestiere. Noi attori e, gli artisti in generale, siamo i primi portavoce dell’Italianità sana e di qualità.

Da non dimenticare anche l’importanza di essere ambasciatori di Napoli nel Mondo.

Un’artista italiana o un regista italiano per il quale ti piacerebbe lavorare?

Elio Germano senza dubbio! Un artista al quale mi sono sempre ispirato, data la sua forte espressività e la sua capacità di adattarsi a ruoli sempre diversi. Come regista di sicuro Paolo Sorrentino, un maestro assoluto del Cinema Mondiale, con il cuore saldamente ancorato a Napoli.

di Giuseppe Cossentino

La poliedrica Valentina Petrillo: mamma, agente ed attrice nella nuova serie di Gomorra!

VALENTINA PETRILLOLa poliedrica Valentina Petrillo: mamma, agente ed attrice nella nuova serie di Gomorra

 

Passata alla ribalta come agente dell’attore napoletano Antonio Ciccone, Valentina Petrillo oggi, oltre ad essere mamma di quattro splendidi figli, è anche un’attrice.

Infatti, la Petrillo sarà nella terza serie di Gomorra che andrà in onda su Sky Atlantic. Un ruolo che la farà conoscere al grande pubblico e che, sicuramente, darà grande soddisfazione a lei ed a tutte le persone che da sempre l’hanno seguita ed apprezzata.

L’importante serie di Sky Atlantic che negli anni ha lanciato tantissimi attori ed attrici, potrà fungere da importante trampolino per l’agente ed attrice napoletana.

Non ci resta che attendere questa nuova avventura che sicuramente sarà un grande successo.

Arriva ” Maltese” su Rai1. L’ Intervista ad Antonio Milo per Italy in the World

Antonio MiloAntonio Milo, attore noto per tantissime fiction di successo, è nel cast di Maltese, la nuova miniserie di Rai 1 con Kim Rossi Stuart. L’intervista.

Antonio, cosa vediamo in questa nuova fiction? 
La storia è quella che tutti conoscono: il commissario che torna nella sua Sicilia e si ritrova a fare i conti con la Mafia, il tutto ambientato negli anni ’70. È una fiction che ha un respiro internazionale, è una co-produzione italo-tedesca. È un taglio nuovo sulla scia della “Porta Rossa”: la Rai deve innovarsi per poter provare a concorrere con colossi come Netflix e le serie tv americane.
Hai lavorato in due serie napoletane di successo come La squadra e Gomorra. Che ricordi hai?
Meravigliosi, due grandi esperienze con una Napoli raccontata sicuramente da differente punto di vista, cambiava per entrambe il focus. Mentre in Gomorra si guarda Napoli dal punto di vista della Camorra, nella Squadra sono i poliziotti a farci vedere la nostra terra tramite il vissuto quotidiano.

Cosa è esattamente la Bottega dell’attore di cui ti occupi?

Si tratta di uno spazio dove un attore può concentrarsi e lavorare su un ruolo da interpretare. In mancanza di lavoro, può invece studiare e farsi trovare pronto quando sarà il momento.
Che progetti hai per il prossimo futuro?
Sono sul set della seconda stagione de Il paradiso delle Signore, fortunata serie di Rai 1 dove interpreto il padre della protagonista Giusy Buscemi.

Massimiliano Varrese. L’ Intervista di Italy In the World.

VarreseSiamo qui con Massimiliano Varrese, celebre attore di fiction e cinema nonché ballerino e cantante, oggi autore del programma Training olistico attoriale.

Massimiliano, da dove nasce l’idea di dar vita a un programma simile?
L’idea nasce da lontano, nel senso che ho sempre ricercato un metodo che mi portasse a gestire me stesso e le situazioni. L’ho fatto in diversi modi, attingendo dalle discipline naturali e da quelle orientali, ma anche avvalendomi dell’aiuto delle arti marziali, di una psicologa e di alcuni fisioterapisti.
Quanto tempo hai impiegato per dar vita a questo importante progetto?
E’ una cosa a cui lavoro da tanto, non so quantificarti esattamente perché il percorso è stato molto lungo. Mi sono accorto che potevo dare una mano anche agli altri durante le mie esperienze sul set, quando diventavo praticamente il coach dei miei colleghi.  Durante le situazioni di emergenza ero uno dei pochi a esser tranquillo e a venirne fuori sano come un pesce, sfruttando poi queste stesse situazioni anche a mio favore. Il lavoro è stato lungo, ho avuto esperienza diretta con diversi medici con cui collaboro e ho studiato diverse discipline (filosofia orientale, arti marziali) sintetizzandone i concetti chiave e rendendoli miei. La mente orientale funziona in un certo modo, così come il sistema medico, che è assai diverso dal nostro: il mio obiettivo era far sì che anche la mente occidentale  potesse assimilare i concetti più importanti delle arti che avevo studiato e renderli propri.

Quanto influiscono ansia e stress su una performance?

Oltre il novanta per cento: sono due condizioni psico-fisiche che non apportano alcun benessere, anzi finiscono per creare ostacoli e barriere che poi siamo chiamati a superare. L’importante è imparare a lavorare su se stessi e non “farsi mangiare” da queste sensazioni negative. Il training olistico attoriale punta proprio a questo: ad aiutare non soltanto gli attori ma anche chi deve effettuare un colloquio o un esame, affinché riesca a viverlo nella maniera più tranquilla possibile.
Il primo consiglio che ti senti di dare, così a bruciapelo, a chi deve affrontare una performance?
Di essere se stessi non appena si varca l’entrata di qualsiasi luogo e in qualsiasi occasione. Io dico sempre che la prima impressione che arriva è l’input che poi
si dà al nostro interlocutore, pensate di essere un sole che sorride.

Veronica Maya: ” Sono felice e lusingata di tornare sul palco di Miss Europe Continental 2017″

Veronica Maya 4Una grande e gradita conferma Miss Europe Continental 2017.

Per il secondo anno consecutivo, sarà la brava, bella ed elegante Veronica Maya a condurre la finalissima del concorso internazionale di bellezza e talento , del patron napoletano Alberto Cerqua.
La location sarà ancora la splendida cornice umbra della meravigliosa cittadina di Spoleto.
<<Sono felice e lusingata di tornare sul palco di Miss Europe Continental, e sono grata ad Alberto Cerqua per questa opportunità >> ha dichiarato la Maya .
<<Ho trovato una organizzazione al top, con una massima cura di tutti i particolari, un concorso internazionale all’altezza delle premesse e delle aspettative. Ho amato Spoleto, e ci torno volentieri!>> ha aggiunto la conduttrice.
La macchina organizzativa di Miss Europe Continental non si ferma, per completare anche il parterre vip e la giuria.
Il patron Alberto Cerqua ringrazia tutti i partner che puntano sulla kermesse: <<LE GEMME DI GAIA che sono i realizzatori dei gioielli di Miss Europe Continental e quindi anche della corona che premierà la Miss 2017. DANNY WONKER che si occuperà della cura dei capelli delle nostre Miss. LEGEA sarà anche per quest’anno l’abbigliamento sportivo delle Miss. PRESIDENT che si occuperà di curare tutto l’abbigliamento pronto moda ed i costumi di tutte le ragazze che parteciperanno alla nuova edizione. ESSENTIAL PROFESSIONAL  MAKE UP, sarà il prodotto cosmetico che curerà il make up delle ragazze e offrirà ai nostri make up artists un prodotto unico nel suo genere con una formula vincente e decisiva. MASSIMO FIORDIPONTI che anche quest’anno porterà l’alta sartoria italiana sulle passerelle di Miss Europe Continental. BIANCA DI che si occuperà delle calzature delle Miss. SANDRO DEL FRATE E ANTONELLO ELISEI saranno i parrucchieri ufficiali della finale europea ed i direttori delle acconciature e delle tendenze del concorso. Di cuore, grazie a tutti! E grazie a Veronica per far parte della nostra squadra>>.
L’appuntamento con la finalissima è il 18 novembre a Spoleto con tante sorprese in arrivo per una edizione ancora più ricca e imponente .

Massimiliano Varrese ci presenta il suo training olistico attoriale

Massimiliano VarreseTraining olistico attoriale™ di preparazione alla performance a cura di Massimiliano Varrese.

Affrontare una performance, di qualunque tipo essa sia, non è mai problematico se si riesce ad arrivare ad essa adeguatamente concentrati, ma soprattutto liberi da sentimenti e sensazioni negative, quali ansia e stress psico-fisico.

Il training, ad esempio, è senza dubbio alcuno un mezzo fondamentale per raggiungere la tranquillità e la positività, ma è anche vero che non tutti sono in grado di praticarlo autonomamente.

E’ da questi presupposti che nasce l’idea di creare un programma audio che possa fungere da supporto a coloro i quali sentano la necessità di essere guidati passo dopo passo da una sorta di “personal trainer” virtuale, che scandisca tappe, progressi e obiettivi quotidiani, oltre a fornire importanti spunti per combattere lo stress con il quale tutti i giorni ci si trova a far i conti. Il Training olistico attoriale™ di preparazione alla performance è stato ideato e curato da Massimiliano Varrese, attore, docente alla Acting Academy di Claudia Gerini, artista marziale e operatore olistico.

In cosa consiste il programma? Va innanzitutto precisato come i programmi audio di Area51 costituiscano un nuovo modo per avanzare nella vostra crescita personale e mettere subito in pratica ciò che ascoltate. Nello specifico, ci si troverà dinanzi a un’offerta formativa di 2 ore di audio, 13 tracce mp3 di audio e 9 esercizi guidati passo passo, cui va ad aggiungersi una corposa bibliografia integrativa, la biografia dell’autore e i contatti di quest’ultimo

Simona Tagli, personaggio tv, mamma e imprenditrice a tempo pieno del look e del benessere!

Simona Tagli 2.jpg

Un’icona della TV ma soprattutto una mamma e una imprenditrice . Simona Tagli ha dato vita alla Vispa Teresa nel centro di Milano, e donne e bimbi trovano la loro oasi .
La Vispa Teresa è un salone di bellezza, una garanzia di look, un nido di relax , una realtà del benessere e di un momento dedicato a madre e figlio .
E Simona non è solo la titolare , la testimonial, che ci mette la faccia  : lei lavora e opera , direttamente , alla Vispa Teresa  , a stretto e direttissimo contatto con la clientela e con le altre mamme e i loro bimbi .
Un’atmosfera famigliare , colorata e allo stesso tempo professionale fa della Vispa Teresa il posto da scegliere , per stare bene e non sbagliare .
Spesso in TV come opinionista , indimenticabile volto della TV più bella , Simona ha scoperto un nuovo talento e una inedita figura professionale con un unico comune denominatore : la bellezza !
La Vispa Teresa vi aspetta con Simona e con la certezza di farvi stare bene .

Jacopo Cavallaro: cuore siciliano sui grandi set cinematografici e televisivi

cavallaro4Siciliano , bravo , bello : Jacopo Cavallaro di origini siciliane  è uno degli attori più promettenti della fiction italiana .
Ha debuttato da adolescente  in una fiction di grande successo come Il capo dei capi .
La sua carriera non si è più fermata .
I più attenti lo ricordano poi come il fratello di Rosy Abate in Squadra Antimafia o nella serie Come un delfino o nella più recente Catturandi al fianco della lanciatissima Marta Gastini.
Insomma , Jacopo Cavallaro ha un curriculum ampio e di tutto rispetto che lo vede alternare con agilità e successo TV, teatro e cinema d’autore e produzioni di grande qualità .
E i progetti sono tanti. Come Colapesce, un progetto cinematografico di cui si parlerà tanto e presto.
Il giovane attore sarà poi al cinema col film La divina Dulzedia di Aurelio Grimaldi ed è già sul set di un nuovo importante progetto televisivo .
Jacopo Cavallaro sta girando il film TV Libero Grassi al fianco di Giorgio Tirabassi, in onda prossimamente su Canale 5.